Home / Attualità / “La droga leggera non esiste”. La Finanza in visita all’IC Zanotti Bianco con il cane antidroga

“La droga leggera non esiste”. La Finanza in visita all’IC Zanotti Bianco con il cane antidroga

Esperienza formativa ed entusiasmante per gli studenti dell’IC Zanotti Bianco di Sibari. Ospite l’unità cinofila della Guardia di Finanza

Euforia, entusiasmo e divertimento le emozioni suscitate negli alunni dell’Istituto Umberto Zanotti Bianco di Sibari dalla simulazione di un servizio antidroga messa in scena dal pastore tedesco agente della Guardia di Finanza del Gruppo di Sibari.

Un’esperienza innanzitutto formativa, quella vissuta dagli studenti lo scorso venerdì 12 nell’ambito del progetto “A scuola di legalità” organizzata dalla professoressa Servino e dal gruppo operativo degli alunni. Ma che allo stesso tempo ne ha catturato l’attenzione, rappresentando un momento didattico che sicuramente rimarrà impresso nelle loro giovani menti.

La giornata trascorsa dagli alunni di seconda e terza classe della scuola secondaria di primo grado gli ha infatti non solo permesso di conoscere attività e obiettivi del corpo di polizia, ma anche di far propri degli importanti insegnamenti di vita.

“La droga leggera non esiste – hanno dichiarato gli agenti senza lasciare spazio ad alcun dubbio -. A prescindere dalla classificazione fornita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, qualsiasi droga – a lungo andare – danneggia il cervello umano. Senza contare che, per qualsiasi minorenne che si limiti anche solo a fare un uso personale delle sostanze stupefacenti, scatta una segnalazione al Prefetto di competenza. Una circostanza che grava sulla fedina penale e limita le vostre possibilità future”.

Ma non c’è solo la lotta alla droga fra le attività svolte dalla Guardia di Finanza. Attraverso dei videoclip e delle immagini esplicative, i finanzieri hanno illustrato le differenti articolazioni del corpo e gli obiettivi correlati, quali l’attività antiriciclaggio, la tutela del diritto d’autore, il contrasto all’evasione fiscale.

Al termine dell’incontro conoscitivo, i finanzieri hanno voluto intrattenere il loro giovane pubblico mostrando praticamente una delle loro attività. Grazie alla presenza dell’agente a quattro zampe Abos, i ragazzi non hanno solo visto con i propri occhi lo svolgersi di una delle principali attività condotte dai finanzieri, ma si sono anche divertiti ad osservare l’unità cinofila all’opera attraverso la simulazione di un servizio antidroga in un aeroporto.


Commenta

commenti