Home / Attualità / Violenza a Campana, lettera dell’Arcivescovo alla Comunità

Violenza a Campana, lettera dell’Arcivescovo alla Comunità

Riceviamo e pubblichiamo il messaggio dell’Arcivescovo di Rossano Cariati Mons. Giuseppe Satriano alla comunità di Campana, provata dagli eventi delittuosi verificatisi negli scorsi giorni

campanaCarissimi fratelli e sorelle della Comunità di Campana, scrivo per comunicarvi la condivisione di un dolore profondo per i fatti accaduti pochi giorni fa. Avverto lo sconcerto del cuore e la paura che blocca la vita e la rende amara.

Avrei desiderato essere lì con voi, come ho fatto nei giorni della pandemia, per pregare insieme e mettere il mio cuore accanto al vostro, ma i motivi di salute che ben conoscete me lo impediscono. Mi stringo alle vittime e a ciascuno di voi attraverso le Istituzioni, che saluto: il Sindaco, il vostro amato Parroco, don Francesco, le Forze dell’Ordine.

Oggi celebriamo il dono e il mistero del Corpo e Sangue di Cristo, segno della sua vita donata per la nostra salvezza. In questo giorno consacrato al ricordo del dono supremo d’amore con cui Cristo ha salvato la vita dell’uomo, donando la sua, condanno, insieme all’intera Chiesa di Rossano-Cariati, l’atto criminoso di questi ultimi giorni e denuncio il nostro dolore: per le vittime e i carnefici, di oggi e di ieri; per una Comunità ferita e dilaniata nel suo intimo poiché si vìola, ancora una volta, il tabernacolo sacro della vita di una persona.

Da sempre Campana ha saputo esprimere onestà, laboriosità e spirito di sacrificio nella vita dei suoi cittadini, ma c’è un virus che sembra voler intaccare queste nostre contrade e che desidera sottrarci la bellezza del poter vivere respirando aria pura, libera dai desideri malsani di chi ci vuole asservire ad una mentalità di illegalità e di violenza. Questo virus si chiama malaffare e, nelle modalità più impensabili, si insinua nei vissuti, permeando con il compromesso le varie dimensioni del vivere sociale, nell’intento di coltivare interessi individuali a dispetto del bene comune. Un virus che, mediante il silenzio omertoso, deturpa le scelte di vita più belle aprendole alla paura e all’angoscia, rendendoci così schiavi di logiche criminali.

Come credenti, sentiamoci chiamati a dare il nostro contributo per arginare questa deriva di morte, rinnovando la nostra adesione a Dio e rigettando ogni forma di male attraverso una credibilità operosa. Siamo chiamati a dare ragione della misericordia di Dio che, attraverso il dono del suo Figlio, ci chiama ad una vita audace, coraggiosa, dove osare la fiducia nel domani.

Come cittadini sentiamo forte l’appartenenza ad un territorio che, sempre più nutrito di scelte civiche dal profilo alto, possa attestarsi libero da ogni asservimento malavitoso.

Questa terra è nostra e nessuno ce la deve strappare. In questa terra desideriamo vivere e abitare senza paura. È giunto il momento di denunciare e minare la tracotanza di quanti oltraggiano la nostra dignità.

Impegniamoci insieme con le armi della giustizia, confidando nel Signore, avendo fiducia e collaborando con le Istituzioni preposte, che mettono a repentaglio la loro vita per tutelare la nostra. Ad esse chiediamo, con accorata riconoscenza, una sempre crescente vicinanza nel marcare il territorio.

Come Gesù, che dall’albero della croce ci ha donato se stesso, insegnandoci a donare la vita e non a toglierla, anche noi desideriamo gridare con la vita il nostro no al male in tutte le sue forme.

Il Signore ci sostenga nell’impegno di coltivare percorsi di reciproca comunione, dove la vita divenga dono e non rapina, dove il quotidiano possa aprirsi alla speranza e non alla fatica o al terrore.

L’intera Chiesa Diocesana, nel desiderio di essere un cuor solo e un anima sola, si unisce a voi in questo momento e, in tutte le nostre parrocchie, durante l’adorazione eucaristica, invoca la misericordia di Dio per la conversione dei cuori, perché possa sorgere l’alba di un giorno nuovo ricco di fiducia e di speranza per tutti. Con voi prego e vi benedico.


Commenta

commenti