Home / Breaking News / Via Manzoni a Rossano: è allarme sociale

Via Manzoni a Rossano: è allarme sociale

10906299_781521161885536_1320767710592095968_nVia Manzoni, centralissima allo Scalo, è diventata un caso. Anzi una vergogna! Sotto gli occhi di tutti. Ma soprattutto sotto il costante pericolo di diventare vittime di quanto vi si ripete da anni. Le denunce, private e pubbliche, si susseguono.
Tutte accomunate dalla stessa rabbia: può essere consentito, in uno stato di diritto, che l’incolumità pubblica, il decoro e perfino l’igiene di un intero quartiere o dei passanti possano esser messi sistematicamente a serio rischio? Da qualche balcone di un palazzo che si affaccia su questa via, divenuta ormai teatro quotidiano in stile “I Miserabili”, si lancia di tutto: sassi, cibo, abiti e rifiuti piccoli e grandi di ogni tipo.
Basta osare passeggiarvi in un qualsiasi momento della giornata per rendersi conto dello stato di assoluto degrado e di insostenibile impunità nel quale si verifica ciò che, qui solo per difetto, abbiamo provato a descrivere. Si è in presenza, certo, di un grave disagio familiare sul quale però non soltanto urge ma si deve intervenire con maniere forti.
Senza dilazioni, senza ulteriori approfondimenti psicologici e soprattutto senza trucchi nei controlli!
Del resto in quel palazzo, proprio per questa situazione incancrenitasi, restano ormai soltanto pochi coraggiosi e ostinati inquilini, tutte o quasi donne anziane e sole. Più volte sono intervenuti vigili del fuoco e forze dell’ordine per sedare principi di incendi e alterchi. I verbali di intervento dove sono andati a finire? Ed i servizi sociali comunali? Dovrà accadere l’irreparabile prima che si intervenga in modo risolutivo? Il sindaco è a conoscenza della situazione?
L’ultima denuncia è di Vincenzo Sapia, sul suo seguitissimo profilo Facebook. Se anche il vicepresidente del Consiglio comunale Lorenzo Antonelli (che abita in questo stabile) – ha postato qualche giorno fa Sapia – ha segnalato il problema alle autorità competenti e non ha potuto risolvere quest’annoso problema che persiste da anni, allora ci chiediamo: cosa non funziona? Speriamo – ha concluso – che l’assessore all’ambiente Natalino Chiarello riuscirà a risolverlo.
E l’assessore interpellato, sempre su Facebook, ha presto rimpallato ogni responsabilità chiamando in causa altri. Probabilmente legittimamente.
Ma al cittadino chi diavolo deve dare risposte e soluzioni? Victor Hugo?

Magritte

Commenta

commenti

5 commenti

  1. è necessario intervenire con i provvedimenti del caso, come succede in tutti i paesi civili del Nord Europa. La sporcizia e i rischi per i passanti sono problemi gravi,ma l'aspetto che indigna è come sia possibile far vivere dei minori in quell'ambiente….

  2. Evelina Viola

    Perché adesso la cosa che indigna e su cui si mette l’attenzione è il degrado della strada e l’incolumità dei passanti.
    Il ‘grave disagio’ familiare è relegato in due righe dell’articolo.
    Che ci siano dei bambini coinvolti i questa brutta brutta storia che va avanti da anni non ha fatto notizia.
    Sono anni che arrivano segnalazioni ai servizi sociali e alle forze dell’ordine e io, e con me tutto il resto dei rossanesi, continiuiamo a vedere scene di ordinaria follia, che in nessun paese civile sarebbero permesse ai danni di bambini.
    Io stessa sono fra le persone che lo hanno denunciato ai servizi sociali del comune ricevendo in risposta “spallucce” e un senso di frustrazione e impotenza inauditi.
    Ma adesso il rischio di danni a (altre) cose o (altre) persone che, incidentalmente, potrebbero rimanerne coinvolte, questo si che fa notizia e rimbalza sui su network.
    Che miseria….
    Con la speranza che la soluzione non sia quella di mettere una rete al balcone di quei poveri bimbi in modo da arginare i danni, ma che qualcuno finalnente si faccia carico della loro sana e amorevole crescita mi impegno a postare questo commento ogni volta che vedrò questo link.

  3. Perché adesso la cosa che indigna e su cui si mette l'attenzione è il degrado della strada e l'incolumità dei passanti.
    Il 'grave disagio' familiare è relegato in due righe dell'articolo.
    Che ci siano dei bambini coinvolti i questa brutta brutta storia che va avanti da anni non ha fatto notizia.
    Sono anni che arrivano segnalazioni ai servizi sociali e alle forze dell'ordine e io, e con me tutto il resto dei rossanesi, continiuiamo a vedere scene di ordinaria follia, che in nessun paese civile sarebbero permesse ai danni di bambini.
    Io stessa sono fra le persone che lo hanno denunciato ai servizi sociali del comune ricevendo in risposta "spallucce" e un senso di frustrazione e impotenza inauditi.
    Ma adesso il rischio di danni a (altre) cose o (altre) persone che, incidentalmente, potrebbero rimanerne coinvolte, questo si che fa notizia e rimbalza sui su network.
    Che miseria….
    Con la speranza che la soluzione non sia quella di mettere una rete al balcone di quei poveri bimbi in modo da arginare i danni, ma che qualcuno finalnente si faccia carico della loro sana e amorevole crescita mi impegno a postare questo commento ogni volta che vedrò questo link.

  4. KwisatzHaderach Elisabetta Salatino

    E allora fatevi un giro in Via S.Antonio… Poi potreste farvi un’idea di Miserabili…

  5. KwisatzHaderach Elisabetta Salatino

    E allora fatevi un giro in Via S.Antonio… Poi potreste farvi un’idea di Miserabili…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*