Home / Attualità / Verdi: sanità, basta incontri sterili. Il consiglio si tenga in piazza

Verdi: sanità, basta incontri sterili. Il consiglio si tenga in piazza

ROSSANO Crediamo che l’incontro dei giorni scorsi fra la politica rossanese e i vertici regionali sia un segnale ma non condividiamo francamente la ventata di ottimismo che trasuda da alcune dichiarazioni lette in queste ore. Il tempo delle riunioni e degli incontri che lasciano le buone intenzioni su carta deve terminare, c’è bisogno di un cambio di passo e di azioni concrete: il nostro territorio non ha più pazienza e voglia di aspettare, o si mette mano seriamente alla questione sanità oppure bisognerà mettere in atto una mobilitazione. E non di quelle sterili fatte a parole, come quelle lanciate da chi ha diviso potere e benefit insieme a Scopelliti e ora si riscopre tutto d’un tratto Masaniello della costa jonica; serve una mobilitazione capillare in ogni singolo territorio che mandi un messaggio chiaro a coloro i quali gestiscono un comparto così delicato: siamo stufi di condizioni sanitarie indegne di un paese civile. La salute è un diritto costituzionalmente sancito che è stato sacrificato sull’altare di bilanci e della contabilità. Siamo una Regione in cui la percentuale dei dirigenti in servizio è superiore a quella dei tecnici specializzati e invece di colpire gli sprechi di quel genere Scopelliti e i suoi amici hanno preso a colpi di scure ospedali, reparti, degenti. Restiamo in attesa di questo Consiglio Comunale sulla sanità, alla presenza del Governatore Oliverio, al quale presenteremo un documento-appello di forte accusa verso l’operato del commissario Scura. Allo stesso modo sarebbe utile che questa seduta dell’assise cittadina avesse luogo in piazza quale segnale forte ed inequivocabile di un territorio che ha perso la pazienza e vuole risultati. Sperando che questa classe dirigente sia in grado di farsi portavoce efficace di questi problemi.

Verdi Rossano
(fonte: comunicato stampa)

ospedale-rossano-300x300

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*