Home / Breaking News / Venerdì 29 la presentazione del progetto “Montagna solidale”

Venerdì 29 la presentazione del progetto “Montagna solidale”

di REDAZIONE

domenico-bevacquaIl progetto “Montagna solidale”, ideato e portato all’attenzione dal presidente della Commissione regionale “Assetto e utilizzazione del Territorio”, Mimmo Bevacqua, verrà presentato al pubblico il prossimo venerdì 29 gennaio, alle ore 11 nell’Hotel Royal di Cosenza. L’iniziativa, che ha già raccolto diversi consensi e partecipazioni da parte di molti amministratori di centri montani ed associazioni di settore, è finalizzata  a «mettere a sistema due potenzialità della Regione – spiega lo stesso Bevacqua – che sino a oggi sono state considerate soltanto  emergenze e potrebbero, invece, trasformarsi, sin da  subito,  in due occasioni di crescita e   sviluppo: la forza giovanile e il patrimonio montagna/bosco. Se non l’ho formalizzata in veste di proposta di legge e ho voluto mantenerla aperta al contributo dei soggetti istituzionali e privati interessati, – prosegue Bevacqua – è proprio perché ritengo che siamo di fronte a una tematica che necessita dell’apporto di quanti hanno a cuore le sorti dei nostri territori montani, di quanti si ritrovano a gestirne le risorse e le difficoltà e, soprattutto, di quanti, spesso con coraggio e ostinazione, hanno deciso di contribuire al mantenimento in vita che eviti l’abbandono e la desertificazione di zone che non sono soltanto preziose riserve naturalistiche ma, sono e devono sempre di più essere riserve di comunità, di storia, di cultura, di vita sana, di sviluppo possibile e sostenibile. Il progetto – conclude Bevacqua – avrà una durata di cinque anni, prevedendo il coinvolgimento di circa 5000 giovani per quattro mesi ogni anno, con benefici diretti attesi in materia di recupero e valorizzazione del patrimonio forestale pubblico e privato e di aree di particolare interesse ambientale soggette a pericoli di dissesto, nonché benefici indiretti derivanti dal mantenimento dei giovani nei loro territori e di attivazione dei consumi nelle aree interne».

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*