Home / Breaking News / Unindustria Calabria su bando macchinari

Unindustria Calabria su bando macchinari

unindustria calabriaIntervento opportuno e tempestivo. Così Natale Mazzuca, presidente di Unindustria Calabria, definisce la sospensione del Bando relativo a Macchinari e Impianti da parte della presidenza della Giunta regionale.
“Nel pomeriggio di martedì 10 scorso – continua Mazzuca – a seguito di una serie di segnalazioni ricevute da imprese nostre associate, abbiamo provveduto ad esternare ufficialmente le nostre preoccupazioni. Il rischio era una possibile alterazione della par condicio tra i partecipanti al bando. Invitando i destinatari della nota ad effettuare le necessarie ed opportune verifiche. A distanza di pochissime ore, gli uffici regionali hanno pubblicato la disposizione di sospensione del bando. Con un successivo comunicato attraverso il quale specificavano la motivazione. Tra cui si legge “una non sufficiente chiarezza nei contenuti del documento Guida Utente, limitatamente alla descrizione della fase di invio, ha potenzialmente inficiato il superiore principio della par condicio tra i soggetti proponenti.

UNINDUSTRIA CALABRIA: NON POSSIAMO PERMETTERCI DUBBI SULLA CORRETTEZZA DELLE PROCEDURE

Non possiamo permetterci dubbi circa la correttezza delle procedure. Né alimentare sospetti e dietrologie. La Calabria ha bisogno di ben altro se vuole provare ad agganciare il potenziale sviluppo sotteso da un utilizzo rapido, efficace, trasparente. E partecipato delle risorse attivabili attraverso il Por, il Patto per la Calabria e le ulteriori sinergie possibili grazie ai fondi ordinari. Certo occorre agire in maniera ferma e tempestiva. Individuando carenze e responsabilità. Disponendo i correttivi necessari a rendere ogni passo ed ogni atto inattaccabile sotto ogni aspetto. Come imprenditori non siamo in alcun modo interessati al teatrino ed ai tatticismi della politica. Chiediamo risposte certe ed efficaci alla voglia di investire da parte delle aziende. E alla necessità di soddisfare la domanda di tornare a crescere che emerge dai nostri territori e dai cittadini”.

Commenta

commenti