Home / Attualità / Una città connessa ad “acca”. Stasi lancia il Piano trasporti su Facebook!

Una città connessa ad “acca”. Stasi lancia il Piano trasporti su Facebook!

di Josef Platarota

Una città più connessa, agile e con un’organizzazione di mobilità interna che possa permettere di unire realmente Corigliano Rossano. Insomma, un sogno che vuole diventare realtà. Con questo spirito può essere vista la civile “chiamata alle armi” del Sindaco Flavio Stasi attraverso la sua pagina Facebook per presentare il Piano di Trasporto Locale.

Una vera e propria bozza di progetto: «E’ prevista una linea circolare veloce Stazione-Stazione che collega le due aree urbane (linea rossa), collegate con due linee Mare-Centro Storico (linea gialla e linea verde). A questa “H” principale si aggiungono due linee laterali, una verso nord (Villaggio Frassa – Cantinella – Apollinara, linea blu) e l’altra verso sud (Amica – Toscano – Fossa, linea arancio). Infine una linea che collega i due centri storici, utile sia per collegare gli uffici comunali per dipendenti ed utenti, ma anche altri servizi come l’ospedale Compagna o la filiale I.N.P.S. (linea azzurra). Il tutto con ORARI PRESTABILITI ed un BIGLIETTO UNICO. In seguito faremo una vera e propria consultazione. Per ora, concittadini, ci dite cosa ne pensate?».

Un piccolo talent per fare sentire una comunità più unita e forse meno sognante. Da questo punto di vista l’Eco dello Jonio ci aveva visto lungo quando, nell’aprile dello scorso anno, si era spinta a creare una metropolitana immaginaria, soggiogati da una sana follia di immaginare “diversamente bella” la nostra città. Lo spirito rimane immutato: vedere quelle linee colorate come un filo magico che possano unire contrade lontanissime. Le stesse che nemmeno sapevano di conoscersi e di esistere. Partire dal Pantano, attraversare la Zolfara, fare capolino a Giannone e finire il tragitto a Thurio. Per una volta lasciamo che i sogni possano diventare realtà, quella di una comunità che vuole essere molto di più di ciò che è diventata.


Commenta

commenti