Home / Attualità / Ufficio stampa comunale: c’è già odore di “subappalto”?

Ufficio stampa comunale: c’è già odore di “subappalto”?

Si è conclusa oggi la gara, durata 8 mesi, per il servizio di Informazione e Comunicazione istituzionale. Se l’è aggiudicata la Pirene Srl di Roma per 1.100 Euro al mese

 

Al termine di una gara durata otto mesi (manco se fosse una gara europea per una mega opera), il comune di Corigliano-Rossano ha aggiudicato l’appalto per la comunicazione istituzionale dell’ente. Durerà un anno per un costo di poco più di 1.100 euro al mese. Se l’è aggiudicata la società Pirene Srl con sede in Roma. Non una società qualsiasi ma, a conti fatti, una vera e propria holding della comunicazione. Almeno, questo è quello che si evinceva dalle referenze e dal pacchetto clienti (tra cui alcune importanti aziende farmaceutiche, il Comune di Torino e l’Asp di Salerno) pubblicato sul sito internet aziendale che, però, da qualche giorno non è più raggiungibile.

Non solo il portfolio clienti, a dare rilevanza all’azienda è anche il suo portafoglio economico. L’ultimo bilancio depositato da Pirene S.r.l. nel registro delle imprese corrisponde all’anno 2019 e riporta un range di fatturato tra i 600.000 e 1.500.000 di Euro. Insomma, siamo difronte ad un’azienda di elevatissimo spessore.

Tra l’altro, la romana Pirene, non è nuova nei suoi rapporti con la Calabria. Proprio di recente, infatti, ha vinto una gara indetta dal comune di Catanzaro per predisporre il piano strategico di marketing e sviluppo del turismo per la città capoluogo di regione, per un importo di 14.060 euro (oltre iva).

Considerato però che i precedenti sono noti, sorgono dei legittimi dubbi su come il servizio di Comunicazione istituzionale verrà espletato. Già, perché a meno che l’azienda appaltatrice non abbia già qualcuno in house (a Corigliano-Rossano per intenderci) dovrà, per forza di cose, garantire – così come prevede il bando di gara – una presenza fissa a disposizione dell’Amministrazione comunale (su una prima stesura del bando si parlava addirittura di un servizio che si sarebbe dovuto espletare h24!).

Ci chiediamo, allora, come farà mai un’azienda di Roma, che fatturerà al Comune poco più di mille euro al mese, ad assolvere tutti i servizi richiesti dalla gara, compresa la presenza di personale in sede?

Una risposta ce la siamo pure data. Anzi, indirettamente ce l’ha data proprio la stessa Pirene Srl. Che tre giorni fa ha attivato una ricerca profilo, proprio su Catanzaro (probabilmente per un’altra commessa) per reclutare una figura esperta in gestione amministrativa/contabile; e altre ricerche di personale le ha attivate di recente su Campobasso e Roma. Non è da escludere che possa fare la stessa cosa per Corigliano-Rossano. Per un lavoro che, a conti fatti, con molta probabilità passerà in subappalto ad un altro professionista/agenzia.

A questo punto si aprirebbe il ventaglio di un’altra miriade di domande. La prima, se la funzione di questa gara è stata quella di garantire esclusivamente un ufficio stampa al Comune (con 1.100 euro al mese, a meno che non si è davvero difronte a Mandrake, è l’unica cosa che si può fare) c’era bisogno di sprecare risorse ed energie per approntare un bando, con una selezione durata 8 mesi?

La seconda, dal momento che l’organico comunale conta ad oggi almeno 4 dipendenti iscritti all’albo dei giornalisti, non si sarebbe potuto tranquillamente allestire un ufficio stampa con le qualificate risorse interne non spendendo ulteriori quattrini?

La terza, come mai per l’ufficio stampa dell’Amministrazione comunale è stata quasi effettuata una procedura europea (pur non essendocene bisogno trattandosi di un servizio di gran lunga sotto soglia) mentre per l’ingaggio di altre figure professionali, per servizi simili o fiduciari, si è ricorso alla chiamata diretta?

Sarebbe stato semplice, chiaro e legittimo se Sindaco e Amministrazione comunale avessero chiamato – così com’è nelle loro prerogative – una figura di fiducia a cui affidare il ruolo di portavoce. Non ci sarebbe stato alcuno scandalo. Non ci sarebbe stato alcun dubbio.

Certo, ora sarà interessante scoprire in che forma e sotto quali vesti si paleserà la mitologica nàiade.


Commenta

commenti