Home / Breaking News / UDC Cosenza: sì ritorno Trematerra, no alchimie politiche elettorali

UDC Cosenza: sì ritorno Trematerra, no alchimie politiche elettorali

Il 20 dicembre scorso, alle ore 18, si è riunita la Direzione Provinciale dell’Udc Cosenza. Tra i presenti i componenti della Direzione: Giovanni Caruso, Vice Presidente del Comitato provinciale e Commissario della Sezione di Rossano; Flavio Cedolia, Segretario Provinciale; Giuseppe Simone Bitonti, Vice Segretario e Commissario della sezione di San Giovanni in Fiore; Pasquale Capalbo, Commissario della Sezione di Acri; Giovanni Madia, Sandro lmbrogno, Gianfranco Calderaro, Lucy Impieri. Assente per impegni di lavoro il Presidente Davide Gravina. Il Vice Presidente Caruso ha assunto il ruolo di Presidente della Direzione Provinciale e dopo aver verificato la presenza della maggioranza dei componenti, ha dichiarato valida la riunione. Lo stesso ha aperto i lavori invitando il Segretario Flavio Cedolia ad informare i componenti in merito alle evoluzioni della situazione politica nazionale e successivamente ad esaminare e discutere possibili nuove adesioni al partito in ambito provinciale.

UDC: MICHELE TREMATERRA RITORNA A FARE POLITICA ATTIVA NEL PARTITO

Michele Trematerra

Cedolia ha informato i presenti di aver avuto l’opportunità di partecipare alla Direzione Nazionale del 14 dicembre u.s., “nell’ambito della quale – scrive lo stesso segretario – si è deciso all’unanimità di partecipare alle prossime elezioni politiche di marzo 2018 con il nostro simbolo. Al quale il Partito non intende rinunciare. Sono inoltre in itinere trattative con altri soggetti politici che si ispirano al PPE, come l’Udeur dell’On. Mastella, il Movimento Energie per l’Italia di Parisi ed altri, non siamo comunque interessati alle alchimie politiche di altri soggetti politici”. Dopo un ampio confronto inerente la situazione politica nazionale, si è aperta la discussione relativa alle possibili adesioni al partito in Provincia di Cosenza. Il Segretario, in riferimento a quanto già discusso nella precedente Direzione del 6 dicembre u.s., ha confermato l’intenzione dell’On. Michele Trematerra di voler ritornare a fare politica attiva nel nostro Partito. Nei giorni scorsi lo stesso Trematerra ha incontrato il Segretario Nazionale On. Lorenzo Cesa, al quale ha comunicato la piena condivisione sia del nostro progetto politico che del metodo e della impostazione nuova data al partito in provincia di Cosenza.

UDC: RITORNO TREMATERRA VALORE AGGIUNTO AL PARTITO

Il Segretario ha anche informato i componenti della correttezza manifestata da Michele Trematerra nell’intrattenere rapporti frequenti con lui stesso per approfondire ogni elemento utile ad una crescita sana del partito nelle varie realtà territoriali. I componenti, all’unanimità, hanno rilevato il valore aggiunto al partito rappresentato dal ritorno dell’On. Michele Trematerra, sia in base alla sua esperienza che al suo peso elettorale. il Commissario della sezione di Acri Pasquale Capalbo ha ricordato in modo indicativo che alle amministrative di giugno u.s. al Comune di Acri, la lista dell’UDC insieme ad altre due liste civiche riconducibili entrambi a Trematerra, sostenendo la candidata sindaco Anna Vigliaturo, hanno raggiunto il 20% con 2500 voti, consentendo di andare al ballottaggio con il candidato del PD. A seguito di una approfondita discussione i componenti all’unanimità hanno apprezzato e accolto positivamente il ritorno nel partito dell’On. Trematerra, auspicando che venga ufficializzato nel più breve tempo possibile.

NO A INGRESSO ENNIO MORRONE E FIGLIO LUCA NELL’UDC PROVINCIALE

Il Segretario, inoltre, ha comunicato una possibile adesione al Partito in ambito provinciale, da parte di un consigliere regionale di Forza Italia. I componenti appresa la notizia circolata già da qualche giorno nei territori, inerente la probabile adesione da parte dell’On. Ennio Morrone e del figlio Luca, dopo un attento esame in merito alle incompatibilità con il nostro progetto politico, al metodo adottato dai richiedenti l’adesione al partito, ritenuto in nessun caso condivisibile, hanno all’unanimità espresso assoluta contrarietà a qualsiasi ipotesi di ingresso da parte dell’On. Morrone e del figlio. “La Direzione Provinciale nella riunione di oggi ha stabilito alcuni presupposti irrinunciabili per una crescita sana in ambito provinciale, in primo luogo non possono essere considerate ipotesi  di adesioni, da parte di alcun soggetto esterno interessato ad una collocazione nel partito, finalizzata solo alla competizione elettorale e poi in nessun caso l’immagine del partito può essere deteriorata dal fenomeno della “transumanza politica”.

UDC COSENZA: NO A INGRESSI POLITICI FINALIZZATI AD ALCHIMIE ELETTORALI

I componenti all’unanimità hanno dichiarato, infine, la volontà di trasmettere copia del presente verbale all’attenzione del Segretario Nazionale On. Lorenzo Cesa, per ribadire la netta contrarietà della Direzione Provinciale a qualsiasi ipotesi di ingresso da parte di soggetti politici, finalizzati esclusivamente ad alchimie di carattere elettorale. L’impegno quotidiano di ogni componente è quello di proseguire le attività di coinvolgimento e adesione al partito nei confronti dei giovani e delle donne, di professionisti, imprenditori ed altri soggetti, espressione dei vari territori, per una crescita sana del Partito.

FONTE COMUNICATO STAMPA

 

Commenta

commenti