Home / Breaking News / Turismo: “Cariati? Gran bel posto ma un po’ impreparato”

Turismo: “Cariati? Gran bel posto ma un po’ impreparato”

spiaggia-cariatiPuntualmente allo scoccare dell’estate, quasi per deformazione mentale, ci troviamo a porre e porci la stessa domanda: come sarà quest’anno la stagione estiva? Farà segnare un incremento nelle presenze? Cambierà di qualità o rimarremo sullo stesso standard? Ma, soprattutto, il paese come si è preparato ad accogliere i turisti? Ha migliorato il suo aspetto con interventi che non siano solo di facciata? E per quanto riguarda i servizi, in particolare erogazione dell’acqua e pulizia delle strade e della spiaggia, che cosa è stato fatto?
La nostra risposta a molte di queste domande è già nota, perché osserviamo il territorio e ne scriviamo la storia e la cronaca quotidianamente, evidenziando continuamente i tanti aspetti problematici, non mancando di evidenziare, quando ci sono, gli aspetti positivi e innovativi.
Questa volta abbiamo voluto lasciare la parola a loro, ai turisti, per sentire dalla loro viva voce le impressioni su questo nostro territorio, per evitare che il nostro scrivere potesse essere viziato da pregiudizi e per allontanare il sospetto di essere di parte.
Ma dalla parte di chi, poi, se si parla del destino di un’intera comunità?
Nel nostro servizio abbiamo tracciato un’indagine a campione cercando di sondare l’opinione di alcune persone sul perché hanno scelto Cariati come meta delle proprie vacanze, essendo loro ospiti di alcuni villaggi e strutture balneari, o proprietari di case o di appartamenti in locazione.
«Per me è la prima volta che ho scelto Cariati come luogo per le mie vacanze e ne ho avuto subito contrastanti impressioni- esordisce Arnaldo -. Ad un centro storico, ben organizzato ed ordinato, si contrappone la zona della marina sciatta e poco curata, con problemi seri di nettezza urbana. Le spiagge sono pulite nella parte del bagnasciuga, ma molto trascurate a ridosso del muro del lungomare, mentre sono tenute fuori dal perimetro urbano in modo giusto. Ultimamente sul lungomare ho visto parecchi locali chiusi o impegnati in lavori di restauro: mi sembra un paese non preparato a ricevere il turismo. Non so se verrò un altro anno, di certo non mi sento di consigliarla ad un amico». Più o meno dello stesso tenore le risposte di Mario, che da più anni sceglie il nostro mare per le vacanze: «Se non fosse per l’amore che porto a questo paese, non dovrei più venirci. Ogni anno gli stessi problemi, le stesse promesse e le stesse giustificazioni. Così non si possono attrarre turisti. Non basta avere il mare, la montagna o un bel centro storico – prosegue Mario-. Queste possono essere solo le premesse per uno sviluppo turistico. Qui mi pare, però, che non vengano mai sviluppate ed il paese è alle prese da tanti anni con gli stessi problemi. Non voglio metterla sul piano politico, ma sicuramente ci saranno anche delle colpe dell’amministrazione: io qui sono solo un ospite, questo problema deve essere affrontato dai cittadini del posto».
«Io abito in un villaggio del posto e mi trovo molto bene – dice Arianna – però non posso esprimere lo stesso giudizio sulla cittadina, che seppur graziosa e con un centro storico interessante, è un po’ caotica. I servizi essenziali però lasciano molto a desiderare. Non verrò un altro anno e non mi sento francamente di consigliarla». Abbiamo sentito tante persone, ma il tenore delle risposte è sempre lo stesso, di delusione e di rammarico, per quanto si potrebbe fare e non si fa. Si tratta di persone prevenute? Francamente non si è avuta quest’ impressione. Se si vuole continuare a parlare di turismo, bisognerà cambiare rotta perché così non si va da nessuna parte. “Intelligenti pauca” recita un vecchio adagio latino.

d.m.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*