Home / Breaking News / Trivellazioni, Rossano ricorre al Tar

Trivellazioni, Rossano ricorre al Tar

trivellazioni

Stefano Mascaro, Sindaco di Rossano

Il Comune di Rossano presenterà ricorso al Tar contro le autorizzazioni ministeriali concesse alla Gloal Med. Finalizzate alla ricerca di idrocarburi, alle trivellazioni e all’attività estrattiva nel mar Jonio. “Ostacoleremo con tutti i mezzi ogni altro progetto che vada nella direzione contraria al percorso preferito da questo Esecutivo. Impegnato su tutti i fronti a salvaguardare l’ambiente. Condizione imprescindibile per lo sviluppo sostenibile, agricolo e turistico. Lo ha dichiarato il Sindaco Stefano Mascaro. L’incarico di assistere in giudizio il Comune è stato affidato all’avvocato Oreste Morcavallo. Che in considerazione della natura della controversia di interesse politico generale ha rinunciato espressamente ai compensi professionali.

TRIVELLAZIONI, PRIORITA’ SVILUPPO TURISTICO E AGRICOLO 

Continueremo – conclude Mascaro – a tenere alta l’attenzione e la vigilanza. Su qualsiasi iniziativa che possa ipotecare, come le trivellazioni in mare, l’auspicato sviluppo endogeno della nostra terra. Coerentemente anche con quanto ribadito anche di recente. Nell’ambito della partecipazione dell’Amministrazione Comunale ai diversi momenti del concorso nazionale Futur-E dell’Enel. Per la riqualificazione e la rifunzionalizzazione della centrale di Sant’Irene. Il ricorso al TAR contro le trivellazioni – si legge nell’atto di incarico legale – è motivato dall’evidente impatto ambientale devastante che detto progetto comporterebbe. Danneggiando in modo irreversibile le risorse paesaggistico-territoriali di tutta la fascia costiera.

Con inevitabili ricadute negative su ogni ipotesi di sviluppo turistico ecosostenibile. Sulla salute e sicurezza dei cittadini. Che, più volte hanno manifestato la volontà di opporsi alle trivellazioni nel Mare Ionio. Attraverso la grande partecipazione a sostegno delle varie iniziative promosse in tal senso dalle varie associazioni di categoria, di volontariato e culturali.

Commenta

commenti