Home / Attualità / Treni made in Calabria per la metro di Copenhagen

Treni made in Calabria per la metro di Copenhagen

treniDa una regione collegata male e attrezzata peggio a una delle città simbolo dell’efficienza scandinava. Dalla Calabria a Copenhagen. Sulle linee M1/M2 della metropolitana danese circolano dal 2002 i convogli realizzati nelle fabbriche italiane di Napoli, Pistoia e Reggio Calabria. Da oggi, grazie al contratto che Hitachi Rail Italy annuncia di aver firmato con Metroselskabet – società nata da una partnership tra il comune di Copenaghen, il governo danese e la città di Frederiksberg – per la fornitura di 8 treni driverless (senza conducente, ndr), il numero di carrozze made in Italy (e made in Calabria) aumenta. Il contratto è stato firmato lo scorso 7 marzo ed ha un valore di circa 50 milioni di euro.

TRENI MADE IN CALABRIA ALL’ULTIMO LIVELLO DI EVOLUZIONE TECNOLOGICA

Hitachi Rail ha una forte presenza nella capitale danese. Oltre ai treni che circolano dal 2002 si aggiungono inoltre i 39 treni costruiti per la linea di Cityringen che entreranno in servizio dal prossimo anno, tutti senza conducente. Le nuove otto metro verranno consegnate entro il 2020 e saranno molto simili a quelle fornite per Cityringen con alcuni adattamenti necessari per consentirne l’utilizzo sulle linee M1/M2. I treni saranno quindi all’ultimo livello di evoluzione tecnologica già sviluppato per i veicoli di Cityringen.

La disposizione interna dei sedili sarà rivista per aumentare la capacità di trasporto, in linea con le necessità del servizio. «Il contratto firmato a Copenaghen – dichiara Maurizio Manfellotto, Ceo di Hitachi Rail Italy – conferma la capacità della nostra azienda di offrire prodotti e servizi con elevati standard di sicurezza, affidabilità e confort al passeggero, in grado di soddisfare i nostri clienti, consentendoci di creare con essi rapporti di fiducia e di lunga durata». Dalla Calabria arrivano insomma treni in grado di competere a livello internazionale. Mentre sulle (vecchie) linee ferrate della Regione si viaggia a fatica.

Fonte: Corriere della Calabria

Commenta

commenti