Home / Attualità / Trebisacce: selezione pubblica per 25 soggetti disoccupati

Trebisacce: selezione pubblica per 25 soggetti disoccupati

trebisacceIl Comune di Trebisacce in data 05.05.2017 ha indetto AVVISO PUBBLICO per 25 disoccupati. Selezione pubblica per il reclutamento di soggetti precedentemente inseriti nel bacino dei percettori di mobilità in deroga che hanno acquisito lo status entro il 31 dicembre 2014 con decreto regionale o altri provvedimenti equipollenti e non beneficiari diretti della indennità di mobilità in deroga dall’Accordo quadro del 07/12/2016. Manifestazione di interesse per la presentazione di percorsi di politiche attive, nelle modalità dei tirocini, rivolta agli Enti Pubblici a favore di soggetti precedentemente inseriti nel bacino dei percettori di mobilità in deroga della Regione Calabria. Regione Calabria – Dipartimento 7 – Decreto 1336 del 9/2/2017 pubblicato sul BURC n. 15 del 13 febbraio 2017.

TREBISACCE: TIROCINI

L’acquisizione dei lavoratori avviene attraverso la Manifestazione di interesse per la presentazione di percorsi di politiche attive, nelle modalità dei tirocini, rivolta agli Enti Pubblici a favore di soggetti precedentemente inseriti nel bacino dei percettori di mobilità in deroga della Regione Calabria. Decreto regionale n. 1336 del 9/2/2017 pubblicato sul BURC n. 15 del 13 febbraio 2017. Con deliberazione della Giunta Municipale n°57 del 28.02.2017, il Comune di Trebisacce  ha partecipato alla Manifestazione di interesse regionale per avviare n°25  soggetti, precedentemente inseriti nel bacino dei percettori di mobilità in deroga che hanno acquisito lo status entro il 31 dicembre 2014 con decreto regionale o altri provvedimenti equipollenti e non beneficiari diretti della indennità di mobilità in deroga dall’Accordo quadro del 07/12/2016, in percorsi di politica attiva nella modalità dei tirocini.

A seguito di tale richiesta la Regione Calabria con Decreto regionale n. 4283 del  24.04.2017 ha ammesso il Comune di Trebisacce ad avviare i 25 soggetti ex percettori di mobilità in deroga in percorsi di politiche attive nelle modalità dei tirocini. Possono presentare domanda, per essere inseriti in percorsi di politica attiva presso questo Ente, i soggetti precedentemente inseriti nel bacino dei percettori di mobilità in deroga che hanno acquisito lo status entro il 31 dicembre 2014 con decreto regionale o altri provvedimenti equipollenti e non beneficiari diretti della indennità di mobilità in deroga dall’Accordo quadro del 07/12/2016, in possesso di qualifiche compatibili con le prestazioni da svolgere con riferimento alle seguenti figure professionali:

TREBISACCE: LE FIGURE PROFESSIONALI DA OCCUPARE

 

N. e tipologia figure professionali Settore di attività
4 Manutenzione ordinaria edifici e strutture di proprietà dell’ente
 

7

Manutenzione ordinaria della viabilità
4 Manutenzione ordinaria di spiagge ed arenili ed annesse zone di accesso
5 Manutenzione ordinaria aree verdi, aree attrezzate, ecc.
1 Servizi socio-assistenziali, assistenza domiciliare
3 Servizi turistico-culturali
 

1

Servizi di supporto amministrativo
TREBISACCE: COME FAR PERVENIRE LE DOMANDE

Le domande dovranno essere presentate o pervenire a mezzo raccomandata A/R all’Ufficio Protocollo del Comune di Trebisacce , entro le ore 13:00  del 25/05/2017, con i seguenti requisiti richiesti nell’apposito bando pubblicato sul sito del Comune. In caso di ulteriore parità prevale il soggetto di età anagrafica più giovane. I progetti avranno una durata di 6 mesi non prorogabili, con un impegno massimo di 20 ore settimanali, pari a 80 ore mensili. Ogni destinatario potrà partecipare ad un solo percorso di politica attiva nelle modalità del tirocinio. Al singolo tirocinante competerà un’indennità mensile pari a € 800 per una durata massima di 6 mesi e per un contributo massimo totale concedibile pari a € 4.800,00.

Il Sindaco nell’esprimere la propria soddisfazione, ha rimarcato come il Comune di Trebisacce, ancora una volta agevola le politiche attive per il lavoro, favorendo i precari e coloro che sono in mobilità e nello stesso tempo, consente al Comune di utilizzare ulteriore personale per i servizi, soprattutto esterni.

 

Commenta

commenti