Home / Breaking News / Trebisacce, Schiumerini: violano le regole dell’etica politica

Trebisacce, Schiumerini: violano le regole dell’etica politica

trebisacce-centro-abitato

TREBISACCE Il delegato all’Ambiente Gianpaolo Schiumerini risponde agli attacchi della Minoranza e in particolare dell’ex delegata alla Cultura Caterina Violante e, nel difendere il progetto di raccolta differenziata illustrato qualche giorno addietro alla presenza dei consiglieri regionali Giuseppe Aieta e Domenico Bevacqua, ribalta le critiche accusando l’ex componente della Maggioranza di “disconoscere le più elementari regole della democrazia e dell’etica politica”. Secondo Schiumerini la Violante sovvertirebbe le regole democratiche in quanto continua a presiedere e convocare la Commissione-Ambiente pur essendo passata tra le file della Minoranza. «Pur essendo passata all’Opposizione, come ha più volte pubblicamente evidenziato, – scrive Schiumerini – non ha mai pensato di dimettersi dal suo incarico… perché ogni tanto fa comodo rimanere in Maggioranza».

schiumerini

Gianpaolo Schiumerini

 

Detto questo Schiumerini, nel rispondere ai rilievi, precisa e dimostra come -che lo sgravio in bolletta per i cittadini ci sarà e come; -che le isole ecologiche non saranno semplici cassonetti ma delle aree recintate e video-sorvegliate con tanti di contenitori per differenziare ai quali si accede solo con l’inserimento della tessera sanitaria e -che con le compostiere familiari si produce compost di prima qualità che si può utilizzare o rivendere a ditte interessate con cui il Comune può sottoscrivere una convenzione. In merito al suggerimento della gestione diretta del servizio da parte del Comune Schiumerini scrive: «Perché l’idea della gestione diretta il consigliere Cavallo non l’ha avuta quando, nel 2009, deliberava in Giunta l’incarico tecnico… ad uno studio di Gallipoli per la modica cifra di 50mila euro, affidato, tra l’altro, senza alcuna evidenza pubblica?». Dopo aver precisato -che in ogni caso il nuovo contratto dovrà contenere la “clausola rescissoria” in atteso degli ATO regionali, -che il progetto è passato attraverso la concertazione con le associazioni ed i commercianti e -che il vice-sindaco Andrea Petta aveva contestato l’irritualità di convocare la Commissione-Ambiente in assenza del Delegato all’Ambiente, Schiumerini, nel concludere il suo pensiero ha scritto: «Considerata la complessità della materia, prima di avventurarsi in disamine e proposte superficiali ed approssimative, ne consigliamo l’approfondimento e lo studio ed ovviamente ci rendiamo disponibili ad un confronto pubblico in qualsiasi momento ed in qualsiasi luogo. Alla presenza e con la partecipazione dei cittadini…non in streaming».

(fonte: La Provincia di Cosenza)

Commenti