Home / Attualità / Test Sierologico: in Calabria solo 8 insegnati su 100 lo hanno effettuato

Test Sierologico: in Calabria solo 8 insegnati su 100 lo hanno effettuato

Come riporta il Corriere della Calabria solo 8 insegnanti su 100 si sono sottoposti al test sierologico consigliato prima del rientro in aula previsto per il prossimo 24 settembre. Le Asp provinciali calabresi hanno offerto un quadro ben poco lusinghiero:  nel Cosentino è stato “testato” soltanto lo 0,6% del personale (94 su 15.267), a Crotone il 5,5%, a Catanzaro (dato più alto della regione) il 31,8%, a Vibo Valentia il 9%, a Reggio Calabria il 3,6%. Cifre complessive: sono 3.417 i dipendenti della scuola pubblica sottoposti al sierologico su 41.954. Tra i test, 3.376 sono stati eseguiti dai medici di medicina generale e 41 dalle Aziende sanitarie.

Antonio Belcastro, delegato del soggetto attuatore per l’emergenza Covid, con una circolare inviata alle Asp, al dipartimento regionale Tutela della Salute, al dipartimento Istruzione e Attività culturali e all’Ufficio scolastico regionale, segnala la necessita di intervento da parte delle Aziende sanitarie provinciali «nei casi in cui il Medico di medicina generale (Mmg) abbia manifestato impossibilità o indisponibilità a eseguire in proprio lo screening». Questo genere di defezioni rappresenta uno degli inciampi nella procedura. E, come dimostrano i numeri, sarebbe concentrata nel «territorio, mentre in altre l’adesione – anche tenendo conto dell’avvenuto ritiro dei kit e dei dispositivi di protezione individuale – risulterebbe più elevata».

La decisione di sottoporsi ai test è volontaria, ma la Regione lavora per mettere gli insegnanti che lo ritengano necessario nelle condizioni di effettuare gli esami «in tempi rapidi» in modo da «giungere alla data di inizio dell’anno scolastico 2020/2021 avendo un quadro epidemiologico ottimale per il rientro in classe in condizioni di sicurezza».
 


Commenta

commenti