Home / Attualità / Al via il Terzo Megalotto della Statale 106, Cisl: apertura cantiere simbolo di speranza

Al via il Terzo Megalotto della Statale 106, Cisl: apertura cantiere simbolo di speranza

“Completare la Statale 106 con tracciato a due corsie per senso di marcia per tutta la sua lunghezza”

statale 106Il 19 maggio, alla Presenza del Ministro alle Infrastrutture De Micheli e dell’Amministratore Delegato di Anas ci sarà l’avvio del cantiere per la realizzazione del Terzo Megalotto della Statale 106. «Dopo decenni – si legge in una nota stampa di di CISL Calabria, FILCA CISL e CISL Cosenza è finalmente al via un’opera fondamentale per la Calabria, il Sud, il Paese. Attesa da decenni, è essenziale per lo sviluppo, per superare il gap infrastrutturale, per rompere l’isolamento di un territorio, per garantire la sicurezza grazie alla realizzazione del tracciato a due corsie per senso di marcia, in un tratto che è fra i più pericolosi d’Italia, disseminato di tante, troppe croci. Esprimiamo grande soddisfazione, perché finalmente potrà concretizzarsi un investimento da 1,3 miliardi, per un tracciato di 39 km da Roseto a Sibari, con una previsione di sette anni per il completamento L’apertura del cantiere, che darà occupazione a regime a circa tremila lavoratori, indotto compreso, rappresenta il migliore viatico per la “fase 2”, per uscire da una emergenza Covid-19 che sta impoverendo ulteriormente il già debole tessuto produttivo regionale. Finalmente una buona notizia, che ripaga tutti coloro che in questi anni, insieme alle organizzazioni sindacali e alle associazioni, si sono battuti per superare tanti ostacoli, per consentire ad un intero territorio di uscire dall’isolamento infrastrutturale.

COMPLETARE LA STATALE 106 CON TRACCIATO A 4 CORSIE PER TUTTA LA SUA LUNGHEZZA

L’iniziativa svoltasi a Trebisacce il 20 novembre scorso, con una grandissima partecipazione di lavoratori, alla presenza del Segretario Generale della FILCA CISL Franco Turri, è solo l’ultima delle tante realizzate per spingere all’avvio dell’opera. Perché senza cantieri, non c’è lavoro. Bisogna sbloccare gli investimenti, accelerare la spesa, aprire i cantieri per creare nel paese 350.000 posti di lavoro. Da qui, più che dai decreti, passa il vero “rilancio”. Ora, in attesa che ci venga a breve illustrata la definizione puntuale del cronoprogramma dei lavori, occorre definire e pianificare i fabbisogni professionali e di manodopera necessari a realizzarli, avviando le iniziative formative utili, di concerto con gli Enti Bilaterali e la Regione, affinché in tutte le fasi possano trovare occupazione le maestranze del territorio. Perché questa opera dovrà servire a dare ad una vasta area un’infrastruttura moderna e sicura, garantendo nel contempo importanti sbocchi occupazionali. Nel contempo, lanciamo un appello al Ministro De Micheli: occorre completare la S.S. 106 con tracciato a due corsie per senso di marcia per tutta la sua lunghezza e avviare subito la progettazione definitiva del tratto Sibari-Crotone. Serve, infatti, un’infrastruttura moderna; non servono, invece, semplici restyling che non risolverebbero il problema del gap infrastrutturale della Calabria».


Commenta

commenti