Home / Attualità / Terzo megalotto della 106, lavori «veri e propri» al via in estate

Terzo megalotto della 106, lavori «veri e propri» al via in estate

Strada statale 106

CATANZARO Per il megalotto della strada statale 106 Sibari-Roseto Capo Spulico, nel Cosentino, «ci sono alcuni problemi finanziari con il contraente generale (Astaldi, ndr), che penso saranno risolti all’interno della loro compagine: noi comunque stiamo andando avanti con gli espropri». Lo ha riferito il coordinatore territoriale Calabria di Anas, Giuseppe Ferrara, parlando con i giornalisti a margine della conferenza stampa convocata a Catanzaro per presentare il progetto di rotatoria all’altezza dell’intersezione tra lo svincolo di Giovino e viale Magna Grecia. «Ritengo – ha aggiunto Ferrara – che per vedere i lavori veri e propri del megalotto in questione dovremo attendere la prossima estate, perché dobbiamo ricevere dal contraente generale il progetto esecutivo, per poterlo approvare, e poi iniziare i lavori. Nel frattempo, comunque, noi stiamo facendo gli espropri e gli interventi per eliminare le interferenze: il nostro lavoro sta andando avanti. Puntiamo molto – ha concluso il coordinatore territoriale Calabria di Anas – su questo intervento che è fondamentale per la statale 106».

LA ROTATORIA A CATANZARO Nel corso della conferenza stampa, il sindaco di Catanzaro Sergio Abramo e Ferrara hanno presentato il progetto di realizzazione della rotatoria all’altezza dell’intersezione fra lo svincolo di Giovino e viale Crotone, nel quartiere Lido del capoluogo calabrese. Si tratta di un’opera molto attesa dai cittadini catanzaresi, perché destinata a garantire un alto livello di sicurezza in quel tratto, oggi estremamente pericoloso, e anche a snellire il traffico molto intenso, perché l’arteria interessata dal progetto è funzionale alla viabilità della strada statale 106. 
Il progetto della rotatoria è stato messo a punto dall’Anas, società che ha competenza su quel tratto di strada: secondo quanto ha riferito Ferrara nell’incontro con i giornalisti, i lavori, dell’importo complessivo di 830mila euro, partiranno a febbraio per concludersi entro 4 mesi. «Per noi – ha osservato il coordinatore territoriale Calabria di Anas – è importantissimo il costante confronto con i sindaci e con i territori. Quando possiamo intervenire lo facciano con grande entusiasmo. Nel caso di questa rotatoria di Catanzaro Lido abbiamo compendiato le esigenze di carattere pubblico, a partire dalla sicurezza, che era l’esigenza prioritaria, con quelle dei privati, che – ha sostenuto Ferrara – sono stati molto sensibili alla problematica». Secondo il sindaco Abramo l’infrastruttura presentata oggi «è importantissima considerando i tanti incidenti che si registrano periodicamente in quel tratto fra lo svincolo di Giovino e viale Crotone. Ringrazio l’Anas per la disponibilità e la grande collaborazione sempre più proficua, che si sostanzia anche in altri interventi già in corso di esecuzione, come la prosecuzione della manutenzione del Ponte Morandi e della Tangenziale, e in ulteriori interventi in programmazione riferiti alla città di Catanzaro».

Fonte – corrieredellacalabria.it

Commenta

commenti