Home / Attualità / Terzo Megalotto 106: Papasso organizza un incontro con i Sindaci

Terzo Megalotto 106: Papasso organizza un incontro con i Sindaci

Il Sindaco di Cassano all’Ionio ha dato appuntamento per giovedì prossimo agli altri Primi cittadini delle comunità coinvolte nei lavori per il terzo Megalotto

cassano

Il sindaco della Città di Cassano All’Ionio, Gianni Papasso, ha promosso l’iniziativa di organizzare un incontro per giovedì 22 ottobre prossimo, alle ore 17:00, nel salone di rappresentanza del Palazzo di Città, invitando a partecipare i colleghi sindaci dei Comuni di Albidona, Filomena Palma, Amendolara, Salvatore Ciminelli, Cerchiara di Calabria, Antonio Carlomagno, Francavilla Marittima, Franco Bettarini, Roseto Capo Spulico, Rosanna Mazzia, Trebisacce, Franco Mundo e Villapiana, Paolo Montalti, per fare il punto della situazione in merito alle previste opere di compensazione ambientale derivanti dalla realizzazione del 3° Megalotto della S.S. 106 Jonica che dovrebbero essere realizzate nei territori di riferimento.

Il confronto tra i rappresentanti istituzionali degli otto Comuni interessati dall’attraversamento dall’arteria viaria a scorrimento veloce in questione, che va da Sibari a Roseto Capo Spulico, avvicinando la Calabria alla Puglia, e di conseguenza collegando l’Autostrada del Mediterraneo con l’A14 “Adriatica”, si è reso necessario, ha sottolineato il sindaco Papasso nella lettera di invito, in quanto da notizie, seppure ufficiose, si è appreso che chi di competenza si stia determinando negativamente in proposito.

La nuova SS-106 Jonica, i cui lavori sono stati affidati al Consorzio Sjrio, costituito dal Gruppo Webuild, sarà un’infrastruttura moderna e complessa per via delle caratteristiche orografiche del territorio che nel tratto dei circa 38 chilometri che separano Sibari da Roseto Capo Spulico, impongono la realizzazione di 11 chilometri di gallerie a doppia canna e 6 chilometri di viadotti. Ricordiamo che, tra l’altro, per quanto riguarda il territorio del Comune di Cassano, in particolare, nel progetto rientra anche l’opera compensativa riguardante di riqualificazione paesaggistica del Parco Archeologico di Sibari.


Commenta

commenti