Home / Attualità / Terapia del dolore, Azienda Ospedaliera di Cosenza centro regionale di riferimento

Terapia del dolore, Azienda Ospedaliera di Cosenza centro regionale di riferimento

DoloreSe dal punto di vista clinico il dolore, genericamente inteso, può essere considerato il segnale di un malfunzionamento del nostro organismo, la sua persistenza, invece, si tramuta spesso in una autonoma patologia, al punto da poter dire che sempre più persone si “ammalano di dolore”. È partendo da questa premessa, dunque, che i sistemi sanitari moderni hanno – prepotentemente – dato spazio agli studi, agli approcci clinici ed alle terapie interventistiche destinate a “curare il dolore”; l’obiettivo non è solo quello di rispondere ad una domanda di salute e di benessere ma anche e soprattutto quello di garantire – nel lungo periodo – la sostenibilità degli stessi sistemi sanitari.

La cronicità, infatti, incide su quasi il 60% della spesa sanitaria e tutte le patologie che rientrano in questo scenario sono intensamente legate proprio al dolore.
Mappare il dolore, qualificarlo, individuare ed applicare cure appropriate è la sfida affidata alle Unità operative di terapia del dolore, centri medici che spesso rappresentano l’ultima istanza per alleviare la sofferenza dei pazienti e garantire una più apprezzabile qualità della vita.
Due gli elementi che vengono sottolineati da coloro che sono in prima linea nel curare il dolore, i dati statistici confermano l’essenzialità dei centri di riferimento regionali ed il nostro sistema sanitario – per le scelte normative e per l’organizzazione – è ai primi posti nel mondo.

TERAPIA DEL DOLORE ESPRESSIONE NON SEMANTICAMENTE SUFFICIENTE A SPIEGARE IL RUOLO DELLA STRUTTURA

In Calabria il centro regionale di riferimento è situato nell’Azienda Ospedaliera di Cosenza e nell’Unità operativa complessa del nosocomio bruzio evidenziano come l’espressione “terapia del dolore” non sia semanticamente sufficiente a spiegare la funzione ed il ruolo della struttura; ciò che è realmente importante, sottolineano, non è la terapia ma la diagnosi patogenetica di ogni dolore.


Commenta

commenti