Home / Attualità / Tasse e imposte comunali, cambierà qualcosa? Lo deciderà il Consiglio comunale

Tasse e imposte comunali, cambierà qualcosa? Lo deciderà il Consiglio comunale

Il Presidente Marinella Grillo ha convocato il consesso civico per il prossimo martedì 29 settembre alle ore 17

Imposta Municipale Propria (IMU), disciplina della tassa sui rifiuti (TARI), gestione del servizio idrico integrato ed entrate, «l’obiettivo è quello di promuovere la convergenza tariffaria e garantire una regolamentazione unica del tributo».

Il Consiglio Comunale convocato in sessione straordinaria ed in prima seduta, per le ore 17 di martedì 29 settembre, nella sala delle adunanze consiliari di Piazza Santi Anargiri, verterà principalmente sulla manovra finanziaria.

È quanto fa sapere il Presidente del Consiglio Comunale Marinella Grillo informando che in caso di seduta deserta la seconda convocazione è prevista, nella stessa sala consiliare, per le ore 18 di mercoledì 30.

Sono 10 i punti all’ordine del giorno dell’assise nel corso della quale saranno illustrate le iniziative che saranno adottate. Le utenze non domestiche chiuse per l’emergenza Covid-19 – è una di queste – beneficeranno di una riduzione del 20% sulla quota variabile del tributo, finanziata dai risparmi di spesa derivanti dalla sospensione della quota capitale per l’anno 2020 relativamente ai mutui. Al fine di procedere alla convergenza tariffaria dei tributi per tutto il territorio, nell’esercizio finanziario 2020 sarà introdotto l’esonero totale del tributo TARI, già esistente per l’area urbana di Rossano, per le attività commerciali, artigianali ed i pubblici esercizi del Centro Storico di Corigliano.

La convergenza si completerà nel 2021 con il nuovo canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria (canone unico), che riunisce in una sola forma di prelievo le entrate relative all’occupazione di aree pubbliche e la diffusione di messaggi pubblicitari. Sostituirà la tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (TOSAP) e l’imposta comunale sulla pubblicità ed il diritto sulle pubbliche affissioni (ICPDPA), attualmente applicate con differenti aliquote e tariffe nelle due aree urbane.

Tra gli altri punti all’ordine del giorno c’è anche l’interrogazione di una parte della minoranza sulle modalità di selezione del dirigente del settore lavori pubblici.


Commenta

commenti