Home / Attualità / Statuto di Corigliano-Rossano, discusso lo schema di indice e le linee di lavoro

Statuto di Corigliano-Rossano, discusso lo schema di indice e le linee di lavoro

La Presidente della Commissione Statuto e Consigliere di maggioranza Maria Salimbeni: «lavoro unitario per guardare al futuro»

La redazione della carta fondante di quella che si presenta come la terza città della Calabria è entrata nella sua fase realizzativa. Durante la seduta di venerdì 13 novembre, prosieguo della commissione del 12.11.2020, è stato proposto ai membri della commissione uno schema di indice per argomenti. Il lavoro preparatorio è stato svolto dal segretario generale dell’ente Paolo Lo Moro, che ha sottoposto all’attenzione della Commissione la bozza di lavoro e una relazione di accompagnamento alla stessa.

Lo schema prevede una suddivisione in articoli e sezioni e contempla al proprio interno tutta una serie di istituti giuridici indispensabili per garantire il corretto funzionamento dell’Ente. Digitalizzazione e partecipazione, capisaldi fondamentali che rappresentano la struttura portante del comune del futuro con un occhio alla propria identità e alla storia comune di questa grande realtà urbana.

«Oggi abbiamo creato i presupposti per la realizzazione della nostra carta fondante – ha commentato il Presidente della Commissione Maria Salimbeni – e devo ringraziare il dott. Lo Moro per il lavoro svolto e tutti i membri della Commissione per il contributo fattivo e la partecipazione. È un indice emendabile, flessibile e modificabile secondo le determinazioni che la commissione assumerà nel corso dei lavori. Il nuovo Statuto sarà il frutto di un ragionamento condiviso, sarà identitario e in grado di garantire snellezza e funzionalità alla macchina comunale, privilegiando gli istituti di partecipazione e garantendo il rapporto fra cittadini ed ente, attraverso l’accesso civico generalizzato e il diritto all’informazione. La città che vogliamo creare sarà moderna ed efficiente, che guarda al futuro consapevole della sua tradizione identitaria, storica e artistica».


Commenta

commenti