Home / Attualità / Statale 106: al via lavori di rifacimento del manto stradale per 1,4 milioni di euro

Statale 106: al via lavori di rifacimento del manto stradale per 1,4 milioni di euro

L’Anas sta provvedendo a far bitumare un tratto della strada statale 106 bis nel tratto cosentino. Si tratta di lavori di manutenzione straordinaria di circa undici chilometri tra il  chilometro 400,150 e il chilometro 403,150 e tra il chilometro 406,300 e il chilometro 414,080 in provincia di Cosenza. L’avvio di tali lavori rientra nel programma aziendale di Anas, definito in regime di Accordo Quadro, ed  interesseranno i tratti stradali maggiormente ammalorati tra i territori comunali di Roseto Capo Spulico, Montegiordano e Rocca Imperiale in provincia di Cosenza, per un importo complessivo di circa  1 milione e 400 mila euro. Le attività avranno inizio a metà della prossima settimana e  si concluderanno il 7 settembre 2018. Intanto si sta già provvedendo a realizzare la nuova bitumazione in un breve tratto nel Comune di Corigliano Rossano, tra gli svincoli di Fabrizio e Schiavonea.

Generalmente per lavori di manutenzione straordinaria della pavimentazione stradale si intendono: riparazione, ripristino o sostituzione degli elementi profondi del corpo stradale (piano di posa dei rilevati, strato di fondazione, strato di base, strato di collegamento); rifacimento del manto d’usura con materiali innovativi e comunque diversi da quelli preesistenti; interventi di restauro, ristrutturazione, consolidamento, sostituzione o rifacimento parziale delle opere d’arte connesse al corpo stradale e delle opere, degli immobili, degli impianti pubblici ad essa appartenenti, pertinenti, complementari o comunque connessi (ponti, viadotti, gallerie, sottovia, muri di contenimento di sottoscarpa e di controripa, rifacimento o sostituzione dei giunti nel caso di impossibilità di una loro riparazione puntuale, etc.). Rifacimento totale intonaci, con relativa scarifica, o sostituzione totale dei pannelli nelle gallerie; consolidamento su scarpate interessate da fenomeni erosivi e/o da movimenti franosi, sempre che non comportino inserimento di nuove opere d’arte o di nuove strutture.

fonte comunicato stampa

Commenta

commenti