Home / Breaking News / Stasi, Rossano Pulita: “Ancora magagne sui servizi”

Stasi, Rossano Pulita: “Ancora magagne sui servizi”

Rossano. Il consigliere comunale del gruppo Rossano Pulita, Flavio Stasi interviene con una nota stampa. “Se la strategia dell’esecutivo Candiano-Mascaro fosse quella di amministrare così male da far passare qualche strafalcione in secondo piano, finora sarebbe riuscita in pieno. Aldilà delle palesi difficoltà ed inadeguatezze di questo esecutivo, ciò che è profondamente intollerabile è l’opacità che ruota attorno ad ogni vicenda. A partire da quella del Verde, il quale più che un servizio pubblico, ormai, sembra essere diventato un affare privato da discutere negli studi professionali di qualche assessore. Sono settimane che l’Amministrazione Candiano-Mascaro tace istituzionalmente sull’argomento mentre la città affonda nel degrado.

Sono settimane che, piuttosto di affrontare politicamente la questione, confrontandosi con i soggetti e nei luoghi opportuni, si cercano accordi segreti per salvare ciò che resta della faccia non dell’esecutivo. Ma della nostra città.

STASI, ROSSANO PULITA: “NON SI ACCETTERA’ ALCUNA SOLUZIONE TAMPONE”

Non fosse stato per l’opposizione consiliare – continua Stasi – la quale ha chiesto di discutere delle prospettive del servizio in Consiglio Comunale, l’Esecutivo, nonostante il disastro colossale prodotto, avrebbe continuato a cercare accordi transitori. Per rimandare il problema di qualche mese e tappare la bocca ai padri di famiglia. Che nel frattempo sono diventati disoccupati. Sembra di essere tornati a qualche anno fa. Quando le questioni del nostro comune si discutevano al chiuso delle stanze, nei salotti privati o negli studi professionali.  Sia ben chiaro che non si accetterà alcuna soluzione tampone. Se non finalizzata alla realizzazione di una gara pubblica, trasparente e che garantisca i posti di lavoro. Questo è quanto abbiamo detto – nei luoghi opportuni – molti mesi fa. Che è stato ignorato dai grandi strateghi (mancati) di questo esecutivo. E che ha prodotto i risultati che sono sotto gli occhi di tutta la città, turisti compresi.

STASI,ROSSANO PULITA: “CONTINUA IL DISASTRO DELLA CRISI IDRICA” 

Continua il disastro della crisi idrica, resa ancor più grave dalla incapacità di gestire l’emergenza. Parlo, per esempio, del fatto che è stata comunicata l’interruzione dell’erogazione dell’acqua per una sola notte al centro storico. Interruzione che, invece, si ripete ormai da giorni. Oppure, fatto ancor più grave, parlo della lista rifilata agli addetti comunali, ogni mattina, con le utenze da servire con l’autobotte nei giorni in cui i tubi erano a secco. Una lista che riproponeva per più giorni le stesse utenze (chissà come mai). Mentre si è stati in grado di lasciare totalmente a secco decine di famiglie per più di 96 ore. Stiamo parlando di acqua, non di vino. Non si senta in colpa chi ha ricevuto legittimamente l’acqua. Né è responsabilità dei dipendenti che eseguivano delle semplici direttive.

Questo è lo specchio di un caos amministrativo epocale che ha origine negli organi politici e che si concretizza, inevitabilmente, su ogni servizio comunale rendendo inutile ogni proposta operativa. Ne abbiamo fatte decine, dall’acqua alle case popolari, dalle finanze ai tributi, tutte cadute nel vuoto politico di questa maggioranza di “voti nella sacchetta”.

CARIATI, ROSSANO PULITA: “LA CITTA’ AVEVA L’IMPELLENTE BISOGNO DI RIPARTIRE”

La cosa più sconvolgente è che la nostra città, capofila di un vasto territorio, aveva l’impellente bisogno di ripartire, di avviare una serie di azioni per migliorare la qualità della vita della comunità e lo stato del nostro tessuto economico. Questa amministrazione comunale, in un anno, è stato in grado di mettere in discussione, invece, tutto ciò che funzionava, degradando l’immagine della città e peggiorando, con la propria palese inadeguatezza, la condizione del tessuto economico cittadino. Il tutto condito da una comunicazione istituzionale che, isterici sfoghi a parte, continua ad annunciare ovvietà cercando di trasformarle in notizia: tra un po’ anche l’apertura della porta del municipio in orario diventerà “un grande successo”.

Tutto questo, purtroppo – conclude Stasi – non fa altro che continuare ad allontanare i cittadini dalla politica, dalla gestione della cosa pubblica. E in estrema sintesi, dalla nostra terra. Uno spettacolo deprimente di autentica antipolitica al Governo. Una palese dimostrazione di come le sommatorie di voti non producono governi. Ma mal-governi, uno spettacolo che speriamo si interrompa prima che vengano definitivamente archiviati tutti gli importanti processi. Che devono vedere la nostra città autorevole e protagonista.

Un auspicio che di certo, conoscendo la collosità alla poltrona di questa classe dirigente, sarà deluso”.

Commenta

commenti