Home / Attualità / Stagione estiva Corigliano Rossano: la Lega chiede responsabilità e impegno

Stagione estiva Corigliano Rossano: la Lega chiede responsabilità e impegno

Un fotomontaggio delle due città, Corigliano e Rossano

Con la stagione estiva alle porte, aleggia un clima di incertezza e preoccupazione generale in riferimento alla programmazione di servizi e risorse che, necessariamente, il nuovo Comune Corigliano Rossano dovrà affrontare per preparare la città ad ospitare al meglio turisti e villeggianti, ma anche perché, è obbligo categorico, andare incontro ai tanti imprenditori che da sempre ormai confidano sulla puntualità e i servizi del settore turistico. Corigliano Rossano, oggi il Comune più esteso della Calabria per superficie territoriale, 346,56 chilometri quadrati, ed il Comune più grande della Provincia di Cosenza con 77.150 residenti, vanta anche oltre 30 chilometri di costa che, dalla foce del Trionto a quella del Crati, fanno di Schiavonea, la Marina di Corigliano, Rossano, le punte di diamante in termini di attrattiva a meta turistica. Di fronte a tale urgenza e preoccupazione, la Lega Salvini Premier Corigliano Rossano, recepite le istanze di operatori turistici, associazioni di categoria e residenti sul territorio, chiederà nei prossimi giorni un incontro con il Commissario straordinario della nuova Città unica dott. Domenico Bagnato.

LA LEGA DINAMICITA’ E VALIDITA’ DEI SERVIZI

E’ evidente, purtroppo, lo stato di degrado presente su tutto il territorio, da Schiavonea a Sant’Angelo di Rossano, da Cantinella a Fabrizio, da Seggio ad Amica, dallo Scalo ai Centri Storici della nuova Città, che, purtroppo, rappresentano solo parte della eredità lasciate dalle Amministrazioni Comunali. Ci chiediamo: è stato approntato un capitolato di appalto per la pulizia spiaggia? Chi gestirà la manutenzione dell’illuminazione pubblica del territorio? Chi si occuperà della urgentissima manutenzione strade ormai ridotte a brandelli? Cosa e come si intende operare sulla scellerata problematica “dell’abusivismo ecologico“ visto che esistono su tutto il territorio vere e proprie discariche a cielo aperto dove liberamente si depositano ingombranti di vario genere e misura? Quale misura si intende prendere su un randagismo territoriale dilagante?

Su tali urgenti ed importantissime tematiche, la Lega Salvini Premier, inoltre, in questa difficile fase di “fusione” mettendo da parte colori e bandiere, si augura un costruttivo scambio di idee ed un’attiva collaborazione con le forze politiche della città e con i Comitati popolari. L’esito referendario denota la volontà di una Città Unica, ma soprattutto fatta di efficienza, opportunità ed in linea con chi, nella stessa Calabria fa del turismo un asse portante della economia locale. La delicata fase commissariale deve, a nostro avviso, preparare la Città alla dinamicità e validità di servizi, mettendo una pietra tombale sulle gestioni precedenti.

Commenta

commenti