Home / Attualità / Stage al Paolella con Marco Rinalduzzi

Stage al Paolella con Marco Rinalduzzi

Marco-Rinalduzz-locandinaUno stage di chitarra, voce e composizione con un maestro d’eccezione. Sbarca al Teatro Paolella di Rossano la professionalità indiscussa di Marco Rinalduzzi, nome conosciuto nel panorama della musica nazionale ed internazionale per le sue collaborazioni con artisti di primo piano e per essere stato il produttore e arrangiatore, tra gli litri, di Giorgia e Alex Baroni. L’eccezionale presenza presso lo storico teatro rossanese si deve ad una originale appuntamento organizzato dall’Accademia Musicale Rossanese in collaborazione con la Direzione del Teatro Paolella da sempre impegnato nel promuovere iniziative tese a valorizzare il settore dell’arte. L’appuntamento è per il 7 maggio 2016 e si tiene sotto la direzione artistica del Maestro Bina Viscovo e del Maestro Giuseppe Praino, rispettivamente docente di canto lirico e moderno e docente di chitarra moderna presso l’Accademia Musicale Rossanese. E per chi volesse approfittare per ascoltare dal vivo la bravura di Marco Rinalduzzi, alle ore 19 presso il Paolella si terrà , a conclusione dello stage, uno spettacolo, con ingresso libero, in cui saranno protagonisti gli stessi stagista con la presenza del maestro. Marco Rinalduzzi, chitarrista, compositore, arrangiatore e produttore, un giorno incontra Jimy Hendrix e arriva il primo shock, che dura fino all’ascolto di John Coltrane e del grande Jazz, passando per la musica classica. Ha svolto e svolge l’attività di session man con moltissimi artisti italiani e internazionali, sia dal vivo che in studio di registrazione: Riccardo Cocciante, Patty Pravo, Nada, Luca Barbarossa, Mina, Lucio Dalla, Ron, Gianni Morandi, Antonello Venditti, Claudio Baglioni, Zucchero, Sting, Keith Emerson, Tony Esposito, Brian Auger, GeGè Telesforo. Suona in colonne sonore con grandi maestri e direttori d’orchestra tra cui: Ennio Moricone, Armando Trovaioli, Nicola Piovani. Attualmente è impegnato nella fortunata tournée di Claudio Baglioni e Gianni Morandi.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*