Home / Attualità / SS106, aperta la rotonda di Zolfara: realizzata in tempi record (per il Sud)

SS106, aperta la rotonda di Zolfara: realizzata in tempi record (per il Sud)

Mezzi e uomini di Anas hanno lavorato fino alle prime luci dell’alba di oggi: la struttura è ancora in configurazione provvisoria ma ha eliminato le code

«Oggi abbiamo aperto al traffico la rotatoria “Zolfara” sulla Statale 106 Jonica in località di Toscano, nel territorio del comune di Corigliano Rossano». È quanto si legge da un messaggio postato sulla pagina facebook ufficiale di Anas Spa. Un’opera compiuta in tempi record (ovviamente rapportati a quelli che solitamente si impiegano a queste latitudini) grazie alla perizia dell’ente nazionale per le strade che ha voluto limitare al minimo i disagi ma, forse, anche alle insistenti pressioni degli utenti che per giorni hanno evidenziato come quel tratto di strada (uno tra i più pericolosi dell’intero tracciato) fosse diventato intransitabile proprio a causa delle grandi code che produceva la marcia a senso alterno.

Insomma, la rotatoria di Zolfara è pronta per accogliere l’afflusso turistico da e verso il parco acquatico Odissea 2000 e a normare la viabilità ordinaria lungo la statale 106.

«Il traguardo raggiunto – si legge ancora nel messaggio di Anas – seppure ancora in configurazione provvisoria, è stato fortemente voluto da Anas che sta recuperando i ritardi generalizzati causati dal blocco per l’emergenza Covid-19. Dagli inizi di giugno, con la riapertura delle attività da parte di tutti i fornitori dei materiali di cantiere, il personale della Struttura Territoriale Calabria e l’impresa esecutrice hanno lavorato ininterrottamente, giorno e notte, per completare la rotatoria prima dell’esodo estivo. L’apertura al traffico della rotatoria comporta infatti un significativo innalzamento dei livelli di sicurezza per la circolazione in un tratto della SS 106 fortemente urbanizzato, consentendo un più ottimale smistamento e canalizzazione delle correnti di traffico di lunga percorrenza in entrambe le direttrici nord e sud, garantendo contestualmente la movimentazione in sicurezza del traffico locale, fortemente interconnesso, prima della realizzazione della rotatoria, con il transito veicolare – conclude la nota – diretto verso il nord e il sud della penisola».


Commenta

commenti