Home / Attualità / Sprar Rossano, ok del ministero al progetto

Sprar Rossano, ok del ministero al progetto

sprarROSSANO inserita è tra i 14 progetti Sprar ammessi a finanziamento dal Ministero dell’Interno. Sono 157, secondo la ripartizione calcolata in base al numero degli abitanti e contenuta nel piano nazionale di accoglienza redatta dal Ministero e dall’ANCI, il numero di migranti assegnati. – Il metodo preferito dall’Amministrazione Comunale era e rimane identico: governare il fenomeno in maniera ordinata e nella direzione dell’accoglienza diffusa. – Si parte il 1° luglio con l’accoglienza di 30 migranti.

SPRAR, 25 MINORI TEMPORANEAMENTE A ROSSANO

È quanto fa sapere il Sindaco Stefano MASCARO che ieri, mercoledì 31 maggio, ha preso parte, alla riunione ad hoc del Gruppo Operativo SPRAR convocata dall’assessore alle politiche sociali Angela STELLA e svoltasi nella sede della delegazione comunale. Nel corso dell’incontro aperto al contributo del terzo settore e dei consiglieri di maggioranza e minoranza, il PrimoCittadino ha colto l’occasione per ribadire l’attenzione prioritaria investita sulla questione. – Erano presenti anche la Presidente del Consiglio Rosellina MADEO, ed i consiglieri comunali Flavio STASI, Marinella GRILLO, Titti SCORZA, Patrizia CURIA, Raffaele VULCANO, Antonella CAPUTO, Maria Candida GRANIERI e Antonio MICCIULLO.

25 MINORI OSPITATI PROVVISORIAMENTE A ROSSANO. MASCARO ha ribadito che si tratta di una  situazione straordinaria e momentanea e che la permanenza nella struttura ricettiva individuata cesserà appena la Prefettura di Cosenza ne individuerà una diversa, adeguata, nel rispetto di tutti i requisiti previsti, in tutto il territorio nazionale. Nel ribadire, infine, l’indirizzo più volte precisato e confermato dal Consiglio Comunale e dall’Esecutivo di un’accoglienza il più possibile diffusa ed integrata nel territorio, da una parte, il SINDACO ha chiarito che questo soggiorno provvisorio e d’emergenza non coincide né con la partecipazione da parte del Comune al progetto SPRAR né con i Centri di accoglienza straordinaria (CAS).

Commenti
Inline
Inline