Home / Breaking News / Spazzatura, Siinardi denuncia discrepanze

Spazzatura, Siinardi denuncia discrepanze

spazzaturaL’ex assessore alle finanze del Comune di Corigliano, Enzo Gaspare Siinardi, interviene sulla vicenda della tassazione comunale. E, nello specifico, sul pagamento dalla Tari e la raccolta differenziata. “Il pagamento della TARI (la spazzatura) – dice Siinardi – per l’anno in corso è stato anticipato da Geraci & Compagnia al 30 giugno prossimo, ben oltre 2 mesi prima rispetto alla scadenza dell’anno scorso, che era stata fissata all’epoca al 30 di agosto. Cosa dobbiamo aspettarci dalle prossime bollette del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti? Nulla di buono, ovviamente. Con Geraci e la Chiurco, così come ben cristallizzato nei bilanci comunali, la tassa della spazzatura è aumentata considerevolmente, a fronte di un aumento percentuale della raccolta differenziata sul territorio che definire ridicolo è un eufemismo”.

Siinardi parla con documenti alla mano. E snocciola cifre per mettere alle corde il duo composto dal Sindaco della città, Giuseppe Geraci, e dall’assessore all’ambiente Marisa Chiurco. “Nell’anno 2012 – scrive ancora Siinardi -, anno precedente all’insediamento del Sindaco Geraci e dell’Assessore Chiurco, l’impegno di spesa di competenza (ovvero i soldi che si spendono per l’anno di riferimento del servizio) per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti ammontava ad € 5.976.150,09 (come da rendiconto 2012) mentre, come desumibile dal bilancio di previsione 2017-2019, per quest’anno il costo per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti raggiungerà la venerabile vetta di € 8.108.445,97. In pratica, in soli 4 anni di consiliatura Geraci, le bollette sono aumentate di oltre 2 milioni di euro.

SPAZZATURA, BOLLETTE AUMENTATE DEL 36%

Qualcuno potrebbe fare un ragionamento del tipo: “è vero, con Geraci e la Chiurco le bollette sono aumentate del 36% in quattro anni. Però pure la raccolta differenziata è aumentata del 36% in quattro anni!!!”. Sì, come no, e gli asini volano. A “qualcuno” piacerebbe ma, purtroppo, i dati ufficiali dell’Arpacal raccontano tutta un’altra storia. Già. Perché secondo l’ultimo report pubblicato dall’Arpacal sul proprio sito ufficiale il Comune di Corigliano, nonostante le palate e palate di milioni di euro spesi per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti, è riuscito a malapena ad arrivare al 18,71% di raccolta differenziata effettuata sul territorio. Il solito “qualcuno” potrebbe controbattere dicendo: “sì, però quando sono arrivati Geraci e la Chiurco la raccolta differenziata era all’1%!!!”. Sì, come no, e i cani cinguettano.

Sempre secondo i dati ufficiali Arpacal, nel 2012 il Comune di Corigliano Calabro aveva già raggiunto una percentuale di raccolta differenziata pari al 16,02 %”. Secondo questi dati forniti da Siinardi (che a sua volta li ha presi dall’Arpacal), in quattro anni c’è stato un aumento della spesa del 36 %. Senza però un aumento più o meno uguale in termini di raccolta differenziata (2,69 %). Siinardi poi denuncia il fatto che il sistema di raccolta porta a porta spinto venga avviato solo in alcuni quartieri dello Scalo e di Schiavonea. “E gli abitanti delle altre contrade”, dice? “Che faranno? Pagheranno il servizio senza usufruirne?”. Questi in sostanza gli interrogativi che si pone l’ex amministratore.

A CORIGLIANO LA POLITICA NON RIESCE A UNIRE NEMMENO LE CONTRADE

“Un’altra cosa – prosegue Siinardi – per quale motivo la raccolta porta a porta è stata prevista solo nelle frazioni Scalo e Schiavonea? E non anche, com’era logico che fosse, anche nelle altre frazioni? Ci sono forse cittadini di “Serie A” e cittadini di “Serie B”? A Corigliano la politica non è riuscita ad unire nemmeno le contrade della stessa Città e questi pensano ad unirsi a Rossano. Ma non fatemi ridere”. Certamente i processi si compiono un passo per volta. Anche a Rossano il porta a porta spinto è partito, per il momento, nella sola contrada Donnanna. Ma si punta a estenderlo al resto della città. A Corigliano, città più vasta, discorso più complesso.

Commenta

commenti

Inline
Inline