Home / Attualità / Slow Food: il 18 ottobre in Calabria c’è Presìdi Aperti

Slow Food: il 18 ottobre in Calabria c’è Presìdi Aperti

I produttori dei Presìdi Slow Food calabresi aprono le porte delle loro aziende ai visitatori per celebrare Terra Madre Salone del Gusto all’insegna della biodiversità

slow food

Sono molti i produttori dei Presì di Slow Food calabresi che domenica 18 ottobre 2020parteciperanno alla prima edizione di Presìdi Aperti, una giornata in cui i custodi della biodiversità apriranno le porte delle aziende agricole e dei laboratori di trasformazione, per condividere con il pubblico una parte della loro quotidianità e permettere ai visitatori di ascoltare i loro racconti, assaggiare i loro prodotti, conoscere da vicino le loro storie dei custodi della biodiversità.

I Presìdi Slow Food italiani sono 326 e coinvolgono oltre 3000 produttori: in Calabria hanno già aderito in molti all’iniziativa e altri se ne aggiungeranno nei prossimi giorni.

 

Presidio Slow Food dell’Olio extravergine italiano:

Az. Ag. Fratelli Renzo a Rossano (Cs)

Pasquale Labonia a Caloveto (Cs)

Antonella Candiano a Rossano (Cs)

Az. Agricola Torchia a Tiriolo (CZ)

Az. Agr. Tenute Loria a Delianuova (RC)

Az. Agr. F.lli Fazari,a San Giorgio Morgeto (RC)

 

Presidio Slow Food del Pecorino di Monte Poro:

La nostra tradizione di Gabriele Crudo a Limbadi (Vv)

 

Presidio Slow Food del Moscato di Saracena:

Az.Agr. Laurito Franco a Saracena (Cs)

Cantine Viola a Saracena (Cs)

Feudo del Sanseverino a Saracena (Cs)

 

Presidio Slow Food del Caciocavallo di Ciminà

Caseificio Anna Romanoa Ciminà (RC)

 

Presidio Slow Food del Capicollo Azze Anca Grecanico

Agriturismo AgriRiggio, – Lazzaro di Motta S. Giovanni

Scopri sul sito di Terra Madre Salone del Gusto tutti gli aggiornamenti sui produttori dei Presìdi Slow Food che proporranno la loro visita guidata o degustazione domenica 18 ottobre: un’occasione per conoscere e sostenere la biodiversità intorno a te!

Venti anni che hanno rivoluzionato il concetto di biodiversità

L’occasione sono i festeggiamenti del ventennale dei Presìdi Slow Food, che ha debuttato al Salone del Gusto del 2000 proponendo al pubblico i primi 100 prodotti da salvare. I loro nomi erano bizzarri, inediti: c’erano il puzzone di Moena, le piccolissime lenticchie di Ustica, le mele rosa dei Sibillini, la mortadella di Bologna (ma quella classica), i cardi gobbi di Nizza Monferrato, delle polpettine di carne che si chiamavano teneramente “pitine”. Dietro ai banconi c’erano volti ruvidi e molto spesso timidi di contadini, casari, allevatori non abituati a stare sotto i riflettori.

Questi prodotti scomparivano perché era l’agricoltura industrializzata degli ultimi decenni a spingerli fuori dal mercato mettendoli in concorrenza con prodotti banali e  standardizzati, sempre uguali a se stessi, ma facili da trovare sugli scaffali dei supermercati; perché l’urbanizzazione aveva spopolato le campagne italiane; perché le normative iper-igieniste avevano trasformato i laboratori artigiani in locali sterili, uccidendo insieme ai batteri nocivi anche miliardi di microbi innocui che soli donano profumi e sapori.

Oggi i Presìdi Slow Food sono quasi 600 in 78 Paesi del mondo e coinvolgono migliaia di produttori. I loro prodotti sono ricercati, remunerati giustamente e i giovani si fermano di nuovo nelle campagne, perché questi prodotti possono offrire un futuro.

In questi 20 anni Slow Food ha usato parole semplici per raccontare la ricchezza delle storie delle donne e degli uomini che testardamente custodivano saperi secolari, varietà vegetali, razze animali locali, li ha riuniti in associazioni, li ha incoraggiati a darsi dei disciplinari di produzione, ha creato numerose occasioni nelle quali proporsi a un pubblico più attento e sensibile, desideroso di fare qualcosa per non perdere il meglio della tradizione alimentare italiana.

Terra Madre Salone del Gusto e la Green Week europea

La giornata Presìdi Aperti fa parte della tredicesima edizione di Terra Madre Salone del Gusto, la più importante manifestazione dedicata al cibo buono, pulito e giusto, organizzata daSlow Food,Città di TorinoeRegione Piemonte, che quest’anno si presenta con un programma completamente rivoluzionato per rispondere all’emergenza Covid-19. L’evento prende il via l’8 ottobre 2020e per sei mesi, fino ad aprile 2021, propone un ricco palinsesto che tocca tutti i nodi della rete Slow Food in 160 Paesi del mondo, coinvolgendo il pubblico in eventi digitali, fisici e diffusi, a partire dalla piattaforma web, accessibile dall’indirizzowww.terramadresalonedelgusto.com.

Presìdi aperti è inoltre l’iniziativa con cui Slow Food partecipa alla Green Week europea(dal 19 al 22 ottobre), un momento in cui tutti i paesi dell’Unione celebrano la biodiversità, confrontandosi sulle strategie da attuare nei prossimi anni per salvare il pianeta.


 

 

Commenta

commenti