Home / Breaking News / Sinistra Italiana a sostegno di Gino Promenzio e Civico e Popolare

Sinistra Italiana a sostegno di Gino Promenzio e Civico e Popolare

Il candidato a sindaco di Corigliano-Rossano Gino Promenzio trova il sostegno di Sinistra Italiana

sinistra italianaFernando Pignataro, coordinatore provinciale Sinistra Italiana, rende noto che il partito ha deciso di sostenere la coalizione “Civico e Popolare” ed il candidato a sindaco Gino Promenzio alle prossime amministrative di Corigliano-Rossano. “Lo farà – si legge nella nota – sposando interamente e convintamente l’idea che, oggi, occorra una proposta ampia, forte, partecipata e civica; che riesca, da un lato a superare la crisi dei partiti politici, dall’altro coinvolgere le forze sane della città. L’obiettivo è incanalare il desiderio di cambiamento ed il carico di speranze che è emerso proprio dal referendum per la fusione.

Crediamo che Gino Promenzio, proprio per il suo ruolo svolto nei comitati del SI e per la sua adesione decisa al percorso del SI, scevro da calcoli opportunistici, possa rappresentare il candidato che meglio incarni quella spinta propulsiva. Crediamo che Promenzio possa costruire la proposta migliore per questo territorio;  anche per quell’entusiasmo travolgente che abbiamo respirato domenica durante la sua presentazione. Una figura di rottura rispetto a esperienze consunte e calcificate su poteri, spesso corrotti, che hanno reso debole e periferico questo territorio. Non ci spaventa la sua presunta, molto presunta, inesperienza. Anzi crediamo che il suo essere uomo libero, capace anche di contrapporsi a tentativi, sterili, di “contaminare” il civismo che rappresenta, possa meglio di tutti racchiudere il desiderio di cambiare l’esistente.

SCELTA CONSAPEVOLE DI NON UTILIZZARE I SIMBOLI DI PARTITO

Ci convincono le sue proposte sull’Enel, sull’ospedale, sui servizi sociali e sull’urbanistica. Ci convince soprattutto l’idea della “Città a misura di bambino” come modello reale di sviluppo del territorio. Porteremo il nostro contributo, sia in termini di idee che di candidati. Con la certezza che solo in un’esperienza civica ampia e partecipata, scevra da simboli di partito che ne limiterebbero ed inquinerebbero lo spirito, si possa compiere un decisivo passo verso la nuova città.

Ed è proprio la scelta consapevole di non utilizzare i simboli di partito, pur non rinnegando storie e percorsi, ci sembra il modo più efficace di mettersi a disposizione di un’idea più grande ed importante. E, crediamo, che questo sia un atto necessario oltre che doveroso.

 

Commenta

commenti