Home / Breaking News / Il sindaco Stasi e quelle “scortesie istituzionali”

Il sindaco Stasi e quelle “scortesie istituzionali”

macchina-gentileIl sindaco di Longobucco scivola, per la seconda volta, sulla buccia di banana del protocollo. No, non il protocollo degli atti che ha in comune, ma quello istituzionale. Riassumiamoli i fatti: in qualità di padrone di casa, avrebbe dovuto garantire una accoglienza alle istituzioni intervenute non da curva sud degli ultras, ma da sindaco, ufficiale di governo, quindi di pubblico ufficiale. Gli unici ad aver mantenuto un comportamento, come sempre aderente ai canoni di uno stato serio e democratico, sono stati i Carabinieri.

Per visualizzare l’intero articolo, rimandiamo all’edizione online de L’Eco dello Jonio: http://www.ecodellojonio.it/ventunesimo-numero-5-luglio-2014/

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*