Home / Attualità / La Cgil incontra il commissario Asp: «Rimettere ordine ai contratti di lavoro»

La Cgil incontra il commissario Asp: «Rimettere ordine ai contratti di lavoro»

Sul tavolo del confronto le tante vertenze che riguardano il personale dell’Azienda sanitaria la cui risoluzione è stata sollecitata da tempo

Nei giorni scorsi, la Segreteria Regionale FP CGIL, rappresentata da Franca Sciolino, e i Segretari Generali FP CGIL dei Comprensori di Cosenza e Castrovillari, rispettivamente Teodora Gagliardi e Vincenzo Casciaro, hanno incontrato la Commissaria Straordinaria dell’ASP di Cosenza, Cinzia Bettelini, e il Direttore Amministrativo Giampaolo Grippa, in forza di convocazione seguita a specifica richiesta da parte della sigla sindacale.

L’incontro, «molto proficuo», si legge in una nota del sindacato, ha fatto il punto sulle tante vertenze che riguardano il personale dell’azienda sanitaria cosentina, sollecitate da mesi dalla FP CGIL.

In particolare, nel corso della riunione si è discusso della «riqualificazione e della trasformazione a tempo pieno dei rapporti di lavoro ancora part time, per i tanti Lavoratori Ausiliari, che l’Azienda Sanitaria Provinciale utilizza come operatori socio-sanitari, pur lasciandoli inquadrati in categoria inferiore».

Si è discusso, quindi, dei rapporti di lavoro a tempo determinato, per i quali, «attraverso le norme contenute nella cosiddetta riforma Madia, la FP CGIL ha chiesto il riconoscimento dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato. Inoltre, la FP CGIL sta sollecitando la internalizzazione dei servizi, che nel corso degli anni l’Asp ha affidato a ditte esterne, chiedendo altresì la salvaguardia della forza lavoro fino ad oggi utilizzata».

L’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza, dal canto suo, si sarebbe impegnata a presentare il proprio piano del fabbisogno del personale, entro la fine del mese di luglio: «nel piano del fabbisogno – chiede la Cgil – dovranno trovare soluzione i problemi che la FP CGIL ha posto». Nel frattempo, la Commissaria Bettelini si è altresì impegnata «a non procedere ad ulteriori nuove assunzioni di Personale Oss, fino a quando non sarà definito il piano del fabbisogno del Personale».

«Si definisca una volta per tutte – è il commento della FP CGIL – ogni anomalia relativa alle tante tipologie di rapporti di lavoro ancora presenti nell’Azienda Sanitaria Provinciale, in modo da garantire un assetto organizzativo stabile e duraturo, anche alla luce delle note carenze di Personale. Su questi temi, saremo pronti al confronto sindacale promesso per fine mese. Per quella data, ci attendiamo un piano che contenga le risposte a tutti i problemi da noi posti, altrimenti, sia chiaro, la FP CGIL continuerà e inasprirà le sue battaglie, fino a quando non saranno individuate tutte le soluzioni. Chiediamo anche alla CISL e alla UIL di categoria, di affrontare unitariamente le questioni poste, perché di fronte ai problemi dei Lavoratori non ci possono essere posizioni diverse, e di concordare un’azione comune, che ci consentirà di rafforzare i contenuti delle tante vertenze che interessano il Personale Sanitario».


Commenta

commenti