Home / Breaking News / Siinardi sulle scelte del sindaco Geraci

Siinardi sulle scelte del sindaco Geraci

siinardiCommentando la situazione di disagio sociale portata all’attenzione della stampa riguardante il signor Bombarola e figlio, che vivono all’addiaccio in baracca da due anni, l’ex assessore al bilancio Claudio Gaspare Siinardi ha la lingua avvelenata.
“Particolari tipologie di informazioni non possono che suscitare solo sdegno, oltre a conati di vomito. Mentre la Città affonda nell’inerzia e nell’immobilismo, mentre la pressione tributaria locale raggiunge vette mai toccate prima, il Sindaco Giuseppe Geraci, piuttosto che prestare assistenza ai Cittadini Coriglianesi in estrema difficoltà pensa bene di finanziare buffets nel Castello Compagna. Nonché, come se non bastasse, pure le selezioni per Miss Italia 2016. In una cornice di difficoltà sociale così evidente, è plausibile pagare buffets e organizzare selezioni di miss a spese della collettività? A mio avviso, non solo non è plausibile ma è del tutto deprecabile.

SIINARDI: SIAMO ABITUATI A QUESTO E ALTRO

Ma in questi 3 anni e mezzo di amministrazione (?) Geraci siamo stati abituati a questo ed altro. Del resto, i documenti parlano chiaro. Determinazione del Settore Affari Generali n.78 del 13 ottobre scorso con la quale, l’Amministrazione Geraci ha impegnato 244 euro per “ringraziare” gli intervenuti ad un convegno di oncologia. E non essendo questo di certo il primo buffet offerto dall’Amministrazione Geraci in occasione di manifestazioni al Castello Compagna forse sarebbe il caso di stipulare qualche convenzione con qualche ditta di catering. Poi, ancora recentemente, una determinazione del Settore Diritti, Sociale, Cultura e Istruzione con la quale vengono liquidati ben 3.660,00 euro alla “Carly Fashion” di Cosenza, su di un totale impegnato di 8.210,00 euro, per l’organizzazione della serata di assegnazione del titolo di “miss cinema”. Tra l’altro con una determinazione di settore che affida alla “Carly Fashion” la realizzazione della serata. e con la quale si approva lo schema di contratto con la stessa, registrata un mese dopo la realizzazione dell’evento.

SIINARDI: I SOLDI DI CORIGLIANO DEVONO RIMANERE A CORIGLIANO

Quest’ultima spesa finanziata interamente con la tassa di soggiorno. L’intento di questa “gabella” sarebbe stato quello di raccogliere denaro dai non residenti sul territorio per migliorare i servizi dello stesso. senza gravare ulteriormente sui Cittadini Coriglianesi. E cosa fa Geraci? Incassa i soldi a Corigliano e li trasferisce a Cosenza. I soldi di Corigliano devono rimanere a Corigliano. E’ del tutto evidente come sarà davvero difficile, in un contesto di estrema difficoltà per le casse comunali quale quello odierno, come tali documenti non vadano poi a finire sulle scrivanie della Corte dei Conti e di chiunque altro abbia interesse ad acquisirli. Cosa ne pensa di tutto ciò l’opposizione consiliare ed i consiglieri di maggioranza? Non è dato sapersi. Oramai non vi è alcun dubbio. Vi è bisogno di una nuova, seria e concreta opzione politica per la Città che possa finalmente colmare il vuoto venutosi a creare.

Allora, soluzioni alternative non ve ne sono: o si finanziano i buffets e le sfilate delle miss o si interviene per aiutare chi vive in baracca. Cosa ha scelto Geraci? Indovinato”.

Commenti