Home / Attualità / Scutellà plaude all’impegno del sottosegretario Orrico: «Finanziamento a Sibari è vitale»

Scutellà plaude all’impegno del sottosegretario Orrico: «Finanziamento a Sibari è vitale»

“Un risultato notevole quello raggiunto dalla collega e amica Orrico che apporterà nuova linfa ad una realtà storica e culturale della Sibaritide”

sibariNon appresa la notizia – data dal sottosegretario del Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo Anna Laura Orrico – dello stanziamento di 3 milioni di euro a favore del Parco Archeologico di Sibari, la portavoce del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati, Elisa Scutellà si è detta oltremodo soddisfatta dell’importante assegnazione economica destinata al rilancio del sito di rilevanza storico-culturale sibarita, uno dei più importanti del Mediterraneo. «Un risultato notevole – precisa ancora Scutellà – quello raggiunto dalla collega e amica Orrico che apporterà nuova linfa ad una realtà storica e culturale della Sibaritide. Grazie al Piano “Grandi progetti beni culturali” il Mibact finanzierà con 103 milioni di euro per il triennio 2020-2022 interventi a favore del patrimonio culturale dell’intero territorio nazionale. Nel solco di tale progetto il Parco archeologico di Sibari, dopo l’acquisita autonomia speciale avvenuta nemmeno un anno fa, potrà contare su cospicue risorse permettendo così di porre in essere indispensabili e fondamentali interventi che andranno a valorizzare e migliorare la sua area pregna di storia e della memoria di una delle più ricche e importanti città della Magna Grecia».

«Tutelare, salvaguardare e promuovere l’area archeologica di Sibari – aggiunge la parlamentare – significa permettere ad un patrimonio con una storia millenaria di poter essere custodito e preservato e far inoltre in modo che lo stesso possa essere conosciuto da chi ancora non ha avuto tale privilegio. I fondi destinati al Parco sono il frutto di un impegno concreto portato avanti dal sottosegretario Orrico con cui ho condiviso la natura prioritaria ed impellente per restituire l’antico splendore ad un patrimonio incommensurabile della nostra regione».


Commenta

commenti