Home / Attualità / Scuole sicure, alla Calabria 150mila euro

Scuole sicure, alla Calabria 150mila euro

In arrivo i finanziamenti del ministero dell’Interno. Cento i Comuni italiani interessati. Ci sono Catanzaro (41mila), Lamezia (37mila), Cosenza (36mila) e Crotone (35mila)

scuole sicureSono quattro i comuni calabresi che riceveranno i finanziamenti previsti dall’operazione Scuole Sicure 2019/2020, che interessa 100 città italiane per 18 regioni. Il totale a favore di questa regione è di 150mila euro. Nell’elenco figurano Catanzaro (41mila euro), Lamezia Terme (37mila), Cosenza (36mila) e Crotone (35mila). Sono 4,2 i milioni di messi a disposizione dal ministero dell’Interno. Il contributo, che si compone di una quota fissa di 20.000€ identica per tutti e di una quota variabile commisurata alla popolazione residente al 1° gennaio 2018 potrà essere destinato nel prossimo anno scolastico alla realizzazione di sistemi di videosorveglianza (che non abbiamo già beneficiato di forme di contribuzione pubblica), all’assunzione a tempo determinato di agenti di Polizia locale, al pagamento delle prestazioni di lavoro straordinario del personale della Polizia locale, all’acquisto di mezzi ed attrezzature e alla promozione di campagne informative volte alla prevenzione e al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti.

SCUOLE SICURE, CONFERMIAMO L’IMPEGNO A FAVORE DEGLI AMMINISTRATORI LOCALI

Dichiarazione del ministro dell’Interno Matteo Salvini: «La droga è una emergenza nazionale, infatti sono pronto a convocare i rappresentanti delle comunità e di tutti i soggetti interessati. Chi pensa che la droga non sia un problema sbaglia di grosso, soprattutto nei dintorni delle scuole. I venditori di morte vanno colpiti e contrastati duramente».
A proposito di Scuole Sicure, il ministro precisa: «Confermiamo l’impegno concreto a favore degli amministratori locali, rafforzando un’iniziativa che abbiamo inaugurato un anno fa, dedicando risorse specifiche per contrastare gli spacciatori vicino alle scuole. Siamo sempre più attenti alle esigenze».


Commenta

commenti