Home / Attualità / Screening della popolazione a Cassano: richiesta l’intervento della Regione

Screening della popolazione a Cassano: richiesta l’intervento della Regione

Il Primo cittadino di Cassano all’Ionio ha scritto alla Cittadella di Catanzaro per attivare lo screening per la popolazione residente

coronavirus

In una formale comunicazione indirizzata al Presidente f.f. della Regione Calabria, On.le Antonino Spirlì, al Commissario Regionale alla Sanità, al Commissario dell’ASP di Cosenza, alla Protezione Civile Regionale e per conoscenza anche al Prefetto di Cosenza, il sindaco della Città di Cassano All’Ionio, Gianni Papasso, per fronteggiare l’Emergenza epidemiologica da COVID-19, ha richiesto di mettere in campo attività di screening per la popolazione residente.

L’iniziativa del primo cittadino, è stata motivata dalla constatazione della repentina crescita esponenziale del numero di casi di persone risultate positive al test del Covid-19 e al rapido diffondersi del contagio tra la popolazione del Comune di Cassano All’Ionio. La missiva, si conclude con la richiesta del sindaco Papasso alle autorità destinatarie di attivare le necessarie procedure per avviare l’attività di screening mediante allestimento di drive-in per test rapidi con personale dell’ASP e della Protezione Civile.

Dal Palazzo di Città, c’è da comunicare anche un’altra iniziativa licenziata dalla Giunta Comunale, che presieduta dal sindaco Papasso, ha discusso e deliberato di autorizzare l’erogazione di un contributo straordinario di €. 20,00 per ogni tampone effettuato in esecuzione dell’ordinanza n.898/2020 per i titolari di aziende/attività e per i lavoratori dipendenti assunti con regolare contratto, che operano nel comprensorio del Comune di Cassano.

Il primo cittadino, infatti, ritiene giusto avviare un’attività di screening per le attività aperte al pubblico e/o che hanno contatti con persone, a scopo preventivo e precauzionale. È importante, ha sottolineato Papasso, che ciascuno dia un contributo attivo per piegare la curva dei contagi. Maggiore sarà la partecipazione, ha aggiunto, maggiore sarà la possibilità di bloccare la diffusione del virus. Gli uffici preposti sono stati impegnati, a comunicare a breve le modalità per la richiesta del contributo.


Commenta

commenti