Home / Breaking News / Scherma Corigliano, Madeo e Cerbella terzi in Coppa Calabria

Scherma Corigliano, Madeo e Cerbella terzi in Coppa Calabria

schermaLa Scherma Club Corigliano continua a fare incetta di successi. Gli ultimi ottimi risultati raccolti riguardano Simone Cerbella e Alberto Madeo; che si sono qualificati terzi ex- equo nella gara regionale Cadetti open specialità Fioretto, svoltasi al pala “Bilò” a Santo Stefano di Rogliano. Accedendo così la Coppa Italia nazionale assoluti di categoria. Evento valido come ultima prova di Coppa Calabria Olimpica e utile per le qualificazioni al campionato italiano assoluto individuale. Nella fase a gironi Madeo giunge quarto e Cerbella, non bene nel raggruppamento, stupisce negli scontri diretti susseguenti.

Madeo confrontandosi contro atleti della più navigata Scherma club Cosenza e Cerbella contro gli sfidanti della Sc Platania. Anche nella fase nazionale, in programma il prossimo 11 maggio ad Ancona, gli schermidori coriglianesi vorranno presentarsi a testa alta per misurarsi contro i pari età, duellare al meglio delle proprie condizioni e ambire lontano e perché no a nuovi podi. La crescita degli atleti dell’istruttrice Emanuela Bruno, seguiti da ben cinque anni dal maestro Ignazio Consoli, prosegue spedita e in pochi anni, la Scherma Club Corigliano sta prosperando come movimento, squadra e nei singoli.

SCHERMA CORIGLIANO, PROSSIMA TAPPA A EBOLI PER IL GGP INTERREGIONALE

Intanto, dopo la seconda prova nazionale del Fioretto maschile di Assisi, il prossimo 15 aprile il calendario proporrà la tappa di Eboli; che sarà valida come terza prova Gpg interregionale dove Alessandro Madeo dovrebbe partire come favorito in virtù dei precedenti e brillanti risultati. Per il sodalizio jonico, a Eboli dodici saranno i partecipanti mentre in seguito ci sarà da predisporre l’appuntamento del Gran Prix di Riccione del 18 maggio. In attesa delle varie tappe, prosegue incessante lavoro e preparazione per gli schermidori coriglianesi concentrati e determinati verso le imminenti e future sfide.

Commenta

commenti