Home / Attualità / Sbarchi a Corigliano, Geraci scrive a Renzi e Mattarella

Sbarchi a Corigliano, Geraci scrive a Renzi e Mattarella

Sbarcogeraci-sbarco immigrati nel Porto di Corigliano Calabro, lettera del Primo Cittadino Giuseppe GERACI al Presidente della Repubblica Sergio MATTARELLA e al Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo RENZI, al Ministro degli interni e degli Affari Esteri, al Prefetto e al Questore di Cosenza, al Presidente della Giunta regionale.

 

TESTO INTEGRALE

Onorevoli Autorità,

sebbene con nota prot. n°1456 del 14/01/2015, a fronte degli sbarchi di immigrati cui è stato interessato il Porto di Schiavonea, abbia esternato la forte preoccupazione per il fondato e temuto “pericolo” che il fenomeno potesse, nel tempo, reiterarsi, nella giornata di ieri ho ricevuto comunicazione che tra oggi e domani giungerà, addirittura, nave petroliera con a bordo oltre 100 immigrati di nazionalità africana. PROPRIO IN PROSSIMITA’ DELL’ARRIVO DI GRANDE NAVE DA CROCIERA CHE ATTRACCHERÀ GIORNO 16 APRILE PROSSIMO!!!

 

Il Governo Centrale e quello periferico non possono continuare a restar sordi  di fronte a palesate e notorie problematiche che affliggono il  Comune di Corigliano Calabro, in precedenza sciolto per motivazioni ampiamente note.

 

Ho rappresentato lo stato di forte precarietà sia sotto il profilo economico sia dal punto di vista delle risorse umane avendo gli sbarchi precedenti richiesto- tra notevoli difficoltà superate solo grazie al buon senso e alla collaborazione di tutti – l’impiego di personale dipendente che, in maniera defatigante e con scarsezza di mezzi, ha egregiamente sopperito alle emergenze sebbene con grave nocumento per l’Ente, il quale  non ha potuto impiegarlo per le attività ordinarie e straordinarie afferenti il territorio comunale.

 

Il Comune da me amministrato ha anticipato spese che ammontano a circa  50.000,00 €. e che, allo stato, non sono state rifuse. Il pericolo incombente di un dissesto finanziario, finora eluso ed evitato grazie alla notevole riduzione delle spese e delle uscite, NON CONSENTE sorta alcuna di anticipazione di cassa per far fronte ad ulteriori sbarchi con somme di denaro pubblico che e se chissà quando verranno restituite.

 

Il personale in organico al Comune versa in condizioni di eccessivo sottodimensionamento per cui vi è la effettiva impossibilità a far fronte a tali emergenti situazioni che, di fatto, non potranno essere affrontate.

 

Ho già detto che il Porto di Corigliano, che ha visto la luce alla fine degli anni ’70, solo in questi ultimi anni e grazie al solerte impegno di Amministratori ad ogni livello, ha avuto il giusto riconoscimento quale struttura a vocazione commerciale e turistica. Invero navi da crociera avevano, in questi ultimi tempi mostrato interesse per località ricadenti nelle aree geografiche dell’area portuale, prevedendo attracchi che avrebbero garantito lo sbarco di turisti di ogni dove con conseguenti indotti di presenze ed economicamente rilevanti. Ed infatti la COSTA CROCIERE  attraccherà nel Porto proprio giorno 16!!!

La destinazione dell’area portuale ad attracchi di navi carretta con a bordo profughi ed immigrati ha svilito e svilirebbe la naturale destinazione della stessa con conseguenti ed irreparabili danni alla economia del territorio. Cosa ne sarà per i tanti turisti che saranno costretti ad approdare in zona invasa da imbarcazioni, le cui condizioni igienico-sanitarie sono facilmente immaginabili?

 

Cosa ne sarà della flotta peschereccia di Schiavonea, una delle più grosse del Meridione d’Italia? Dovrà subire, ancora, oltre che la crisi imperante, un ultroneo attentato  alla modesta economia?

 

Cosa ne sarà, quindi, del nostro turismo e delle bellezze del nostro territorio?

 

Ribadisco, in ogni caso, che il dato allarmante riviene maggiormente dalla materiale impossibilità di poter fronteggiare nuovi ed altrettanti sbarchi che, conseguentemente, mortificherebbero la dignità dei soggetti immigrati e profughi ai quali non potrebbero essere garantite la necessaria assistenza e i dovuti soccorsi.

 

E’ inutile far presente che le nostre zone sono prive di strutturati centri di accoglienza e ogni ricovero, seppur temporaneo, graverebbe in maniera deleteria sulle casse e sulle finanze dell’Ente sulle quali, dall’atto del suo insediamento,questa Amministrazione, ha intrapreso un serio percorso di risanamento.

 

Mi auguro, per l’ennesima volta, che sia dato ascolto a questo “estremo” grido di allarme e confido e auspico che quanto evidenziato sia tenuto nella debita considerazione.

 

In caso contrario non escludo l’abbandono del mandato popolare con ogni conseguenza che ciò potrebbe comportare.

 

Con i sensi di alta stima e considerazione, porgo deferenti ossequi.

Il Sindaco

(dott. Giuseppe Geraci)

 

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*