Home / Attualità / Santissima Achiropita: la devozione di Rossano ed il culto della Madonna

Santissima Achiropita: la devozione di Rossano ed il culto della Madonna

achiropitaUna storia lunga secoli mista di pietà e amore che abbatte confini lontanissimi.
Questa è la suggestiva vita della Sacra Achiropita protettrice della città di Rossano e dei suoi abitanti, salvati da disastrosi terremoti e dai terribili bombardamenti della II guerra mondiale, protetti da quella nebbia che ne coprì la vista dall’alto. L’icona affrescata si trova su un pilastro della navata centrale della Cattedrale di Rossano e si presenta così già da molti secoli, incastonata come una reliquia in una teca di marmo protetta da schermo vitreo, contornata da uno splendido esempio di altare settecentesco.
La storia dell’Achiropita è legata alla leggenda del monaco eremita Efraim che nell’anno 570 d.C. in un campo vicino ad una grotta (zona San Nicola in Vallone) trovò un’immagine miracolosa della Vergine e da lì iniziò il culto. Continua con il racconto dell’incontro tra l’imperatore Maurizio ed Efraim, il quale gli rivelò che la Vergine aveva predetto la sua successione al trono di Costantinopoli (dopo la morte di Tiberio II): così Maurizio fu eletto imperatore. Come ringraziamento alla vergine Protettrice, Efraim ebbe la possibilità di ottenere tutto il necessario per l’edificazione del tempio.
Durante i lavori, più volte l’Odigitria apparve per esprimere il volere di farsi edificare un altare proprio nella particolare posizione decentrata, così come si presenta ancora oggi.
Il termine Akheiropoietos deriva dalla lingua delle comunità giudaico-cristiane; difatti con questo termine nelle “Lettere” di San Paolo ai Corinzi, si indica qualcosa di “non fatta con mani” quindi “eterna”. Successivamente in epoca bizantina, il significato sarà legato ad Immagini le cui fatture, secondo leggende, sono riconducibili al Divino.
La figura della Vergine si presenta per intero e regge sul braccio sinistro il Bambino Sacro che ha la mano destra verso la madre nel gesto della Benedizione (alla maniera orientale) e nella sinistra tiene stretto nel pugno un rotolo, forse il Vangelo.
La Vergine indossa un mantello rosso scuro ed un copricapo; il rosso predomina anche nella figura del bambino. Gli studi condotti hanno appurato che l’immagine doveva estendersi anche nella parte inferiore e che con molta probabilità è stata affrescata su un supporto di paglia, fibre animali e calce, come era consuetudine fare dai pittori bizantini (tecnica non usata in Occidente). La fase di preparazione dunque andrebbe di pari passo con l’edificazione architettonica del luogo di culto (fine VI inizi VII secolo).
Tuttavia però, secondo alcuni rilievi, alla fase normanna (XII secolo) risalirebbe la costruzione del muro che accoglie l’immagine, a seguito di lavori di ampliamento del tempio sacro. Quindi l’immagine era presente in un antico oratorio poi ingrandito nella grande chiesa con mosaici, oggi venerata come Cattedrale.
Chi si piega al cospetto della Sacra Immagine, non può non restare colpito dalla fissità dello sguardo di quegli occhi allungati e severi, quasi un monito per chi si avvicina e che ritroviamo in molte altre icone bizantine ed ortodosse.
Il 15 agosto festa dell’Assunta è la festa di chi porta Rossano e la sua Protettrice nel cuore, anche oltre i confini oceanici in Brasile dove le comunità italo-americane di San Paulo si riversano in un intero quartiere attorno alla loro Achiropita, per sentirsi chissà, un po’ più vicini alla loro amata terra d’origine.

s.t.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*