Home / Breaking News / Sanità, Papa IdM: il Pd chieda la rimozione dei commissari

Sanità, Papa IdM: il Pd chieda la rimozione dei commissari

sanitàRaffaele Papa coordinatore provinciale Italia del Meridione Cosenza interviene sulla sanità, con una nota stampa.Un disastro annunciato, le dichiarazioni del Ministro della Salute destano sconcerto e disappunto e gridare allo scandalo è il minimo che si possa fare.Dalla Lorenzin apprendiamo che nonostante la riduzione della spesa sanitaria che ha causato sacrifici e privazioni da parte di un utenza sempre più bistrattata ed a dispetto della pluriennale gestione commissariale, le cure nei confronti dei calabresi sono ben al di sotto della soglia minima prevista.A tal proposito condividiamo e sosteniamo con forza le parole del Presidente della Giunta Mario Oliverio che oltre ad esprimere preoccupazione per lo stato della sanità calabrese, evidenzia le gravi carenze derivanti da una gestione commissariale inefficace e dannosa.In effetti, oltre ogni e possibile valutazione, i fatti stanno a dimostrare che l’attività dei commissari governativi Scura e Urbani non ha prodotto alcun utile né apprezzabile  risultato.

PAPA, IDM: SANITA’ AL COLLASSO

La Sanità è al collasso, gli ospedali rimasti ancora aperti, versano in una situazione disastrosa. Urge quindi un cambio di rotta che possa dare l’assistenza che gli utenti reclamano. E nel contempo sostenere e ridare speranza agli operatori tutti. Che da troppo tempo vedono mortificare le loro professionalità, competenze ed aspettative nel fare di più e meglio. Interpretando e facendoci carico del pensiero dei cittadini calabresi, chiediamo al Partito Democratico. Non solo una parola chiara e netta circa la fallimentare gestione di questi anni, ma soprattutto che intervenga con determinazione, quale maggiore forza politica governativa, affinchè il Consiglio dei Ministri provveda alla rimozione immediata dei Commissari per la Sanità Scura e Urbani.Per ogni giorno che passa, tale sistema malato, continua a mietere vittime incolpevoli anche a causa dell’indifferenza della politica e delle istituzioni.

Commenta

commenti