Home / Breaking News / Sanità: la Neuroradiologia dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza guarda al futuro

Sanità: la Neuroradiologia dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza guarda al futuro

azienda ospedalieraSanità. Innovazioni all’interno dell’azienda ospedaliera di Cosenza, in particolare per il reparto di Neuroradiologia diretto dal dott. Auteri. Mentre la politica si interroga sulla più idonea collocazione del nuovo ospedale cittadino, nel vecchio presidio dell’Annunziata già si agisce per un futuro migliore. L’innovazione è uno degli obiettivi dell’attuale amministrazione. E pur nel contesto di uno strettissimo piano di rientro che ne condiziona inevitabilmente l’azione, è massimo lo sforzo per ambire a risultati di eccellenza. Migliorando gli strumenti tecnologici sanitari, a tutto vantaggio della popolazione.

L’impegno costante del dott. Gentile e del dott. Veltri, rispettivamente Direttore Generale e Direttore Sanitario Aziendale, permetterà alla U.O.C. di Neuroradiologia, diretta dal dott. Auteri, di dotarsi, entro il 2018, di una nuova Risonanza Magnetica. Ad altissima tecnologia, con potenza doppia rispetto a quella attuale, ulteriore salto di qualità dell’intera Azienda Ospedaliera, che di recente si è anche dotata di una TAC/PET e di un nuovo Acceleratore Lineare, ponendola ai livelli dei centri più avanzati, in una regione dove, purtroppo, le infrastrutture sono spesso obsolete e la migrazione sanitaria tra le più alte.

SANITÀ, NEURORADIOLOGIA COSENZA. DOTT.AUTERI “MAGGIORI VANTAGGI PER IL PAZIENTE” 

Questa nuova macchina, precisa il dott. Auteri, consentirà di ridurre i tempi di acquisizione dell’esame, a tutto vantaggio del confort del paziente, migliorerà la qualità delle immagini, fornendo maggiori informazioni al Neuroradiologo grazie al ricorso di sequenze molto sofisticate, quali la spettroscopia, la trattografia, la perfusione e la diffusione, permettendo, ad esempio, al neurochirurgo, di ottenere mappe anatomiche estremamente dettagliate per una asportazione delle lesioni sempre più precisa e rispettosa del tessuto cerebrale normale  e, al neurologo, dati volumetrici di particolari strutture cerebrali, utili per una diagnosi precoce di molte malattie degenerative.

Da tempo l’Unità Operativa di Neuroradiologia, già individuata quale centro di riferimento regionale per le patologie cerebrovascolari (entro il mese di febbraio entrerà in funzione il quarto angiografo digitale), effettua, quale unica struttura pubblica in Calabria, questo tipo di indagini tecnologicamente avanzate annoverando, nella propria equipe, due neuroradiologi, il Dott. De Vuono e il Dott. Valentini, particolarmente specializzati nello studio della patologia neoplastica, degenerativa (Parkinson e demenze), infiammatoria (sclerosi multipla), con spazi operativi specificatamente dedicati a esse.

SANITÀ, NEURORADIOLOGIA COSENZA: ORGANIZZATA RETE ASSISTENZIALE

A tal proposito si ricorda che da anni esiste un canale preferenziale di prenotazione per questi tipi di pazienti con tempi di attesa estremamente ridotti, a riprova di come la Neuroradiologia dell’Annunziata sia da sempre in prima linea nello studio di queste malattie.

Questo sforzo organizzativo ha reso realmente funzionale e proficua l’indispensabile collaborazione con i diversi centri sparsi sul territorio, realizzando in tal modo una vera “rete assistenziale”, acquisendo la stima ed il riconoscimento dei principali centri nazionali di riferimento con i quali l’U.O.C. si confronta costantemente per la stadiazione ed i frequenti controlli dei tanti pazienti costretti a trovare soluzione ai loro problemi al di fuori della nostra regione.

L’esperienza conseguita in questi anni è notevole e l’acquisizione di questa nuova macchina rappresenterà un decisivo passo in avanti verso diagnosi sempre più raffinate, a dimostrazione di come l’Ospedale ed i suoi operatori, nonostante le innegabili difficoltà, sono sempre in prima linea per la tutela della salute dei cittadini, convinti che, al di là di ogni enfasi retorica, la richiesta di buona sanità non debba essere elusa.

Commenta

commenti