Home / Attualità / Sanità, il presidente Iacucci sostiene la battaglia di Stasi

Sanità, il presidente Iacucci sostiene la battaglia di Stasi

“Rinnovo anche io l’invito a convocare i Comitati di rappresentanza della Conferenza dei sindaci sul tema della riorganizzazione territoriale dell’Azienda Sanitaria di Cosenza”

iacucciIl presidente della Provincia di Cosenza Franco Iacucci ribadisce il suo sostegno alla battaglia portata avanti dal presidente della Conferenza dei sindaci, Flavio Stasi. “Rinnovo anche io l’invito a convocare i Comitati di rappresentanza della Conferenza dei sindaci sul tema della riorganizzazione territoriale dell’Azienda Sanitaria di Cosenza.  È necessario un confronto con i sindaci del territorio, conoscere nel dettaglio le criticità, le esigenze, le carenze sanitarie e le richieste di coloro che vivono in prima persona i bisogni reali dei cittadini, prima di adottare un Piano aziendale di riorganizzazione territoriale. Un’attenta analisi dei servizi sanitari, raccogliendo le impressioni dei sindaci, aiuterebbe ad affrontare al meglio questa fase di emergenza che, ad oggi, desta non poche preoccupazioni. Serve progettare e potenziare la sanità sui territori con i fondi già esistenti e le risorse che arriveranno dall’Europa. Abbiamo una grande opportunità e non possiamo perdere questa occasione, dobbiamo lavorare uniti per raggiungere lo stesso obiettivo: far fronte all’emergenza e garantire a tutti i cittadini il diritto alla salute dando il via libera a misure sanitarie appropriate.

Ecco perché mi associo all’appello del presidente della Conferenza dei sindaci che, con una nuova lettera indirizzata al commissario ad acta per l’attuazione del Piano di rientro e al commissario dell’Asp Cinzia Bettelini, chiede di sospendere l’attuazione del DCA 65/2020 e delle delibere delle Aziende sanitarie conseguenti con contestuale convocazione dei Comitati di rappresentanza della Conferenza dei sindaci e di convocare, inoltre, la Conferenza permanente per la programmazione sanitaria sociosanitaria e socioassistenziale”.


Commenta

commenti