Home / Attualità / Sanità: «Flavio Stasi esca dalla latitanza e guidi la protesta»

Sanità: «Flavio Stasi esca dalla latitanza e guidi la protesta»

Mario Smurra, vicesegretario nazionale della Federazione Nazionale Agricoltori (FNA), suona la sveglia al primo cittadino di Corigliano Rossano

Sanità, ci piace e condividiamo nei metodi e nei contenuti l’iniziativa che, promossa dal Primo Cittadino di Cariati e sposata già da molti sindaci dall’intera regione, dovrà vedere protagonista il prossimo mercoledì 7 ottobre la Calabria intera a Roma per il secondo sit-in muto degli amministratori. Una causa così importante merita la spinta da parte di quei comuni che per estensione e peso possono contribuire a fare la differenza, come la Città di Corigliano-Rossano. Il Sindaco Flavio Stasi riacquisti l’entusiasmo, che oggi sembra essere sopito, delle battaglie portate avanti da semplice cittadino e si metta alla guida della protesta.

È quanto sollecita Mario Smurra vicesegretario nazionale della Federazione Nazionale Agricoltori (FNA) Mario Smurra confermando l’adesione del sodalizio al manifesto-documento GARANTIRE I DIRITTI IN CALABRIA PER UNIRE L’ITALIA – UNA CALABRIA NORMALE PER UN’ITALIA PIÙ FORTE IN EUROPA.

Sollecitiamo e sproniamo alla massima condivisione sia i sindaci che i rappresentanti delle istituzioni sovracomunali. Quella del diritto alla salute – aggiunge Smurra – è una battaglia che va incoraggiata con forza.

Sempre più in trincea per l’impossibilità di dare risposte alle proprie comunità, i Sindaci – continua – devono essere sostenuti; devono sapere di non essere soli. Allo stesso tempo chi ha il dovere di farsi interprete delle esigenze di un territorio non può sottrarsi ad iniziative come queste. La Città di Corigliano – Rossano – continua il vicesegretario nazionale FNA – che negli anni ha subìto scippi e privazioni e di cui pagano le conseguenze anche i territori vicini, ha più di un motivo per rispondere presente all’iniziativa. Il Primo Cittadino Stasi – conclude – esca dalla latitanza e sia più presente nelle questioni territoriali. Questa ci sembra l’occasione giusta.


 

Commenta

commenti