Home / Attualità / Sanità, fissata per domani l’Assemblea dei Sindaci dello Ionio

Sanità, fissata per domani l’Assemblea dei Sindaci dello Ionio

dl calabriaEmergenza sanità territoriale, condividere un ragionamento organico e concreto e mettere sul tavolo del confronto proposte precise, finalizzate al miglioramento dell’offerta sanitaria a beneficio dell’intera area ionica cosentina.

Sottende questi obiettivi l’assemblea ad hoc, organizzata per martedì 3 settembre alle ore 17, nella Sala del Consiglio Comunale nell’area urbana di Rossano, alla quale il Sindaco Flavio Stasi ha invitato tutti i colleghi della costa e dell’entroterra ionico cosentino.

All’esito dell’assemblea, raccolte e condivise le proposte che emergeranno, sarà costituita una delegazione di sindaci che il successivo giovedì 5 settembre si confronterà direttamente con il Commissario ad acta per l’attuazione del piano di rientro dai disavanzi del servizio sanitario nella Regione Calabria Saverio Cotticelli che, su invito dello stesso Stasi, sarà a Corigliano-Rossano.

Individuare e realizzare nel più breve tempo possibile soluzioni condivise – scandisce il Sindaco che coglie l’occasione per esprimere la solidarietà dell’Amministrazione Comunale a Sinibaldo Iemboli, vittima nei giorni scorsi di un’aggressione nell’esercizio della sua attività di medico – è l’unica risposta reale ai disagi ed alle emergenze drammatiche di questi giorni.

Si tratta – sottolinea ancora il Primo Cittadino – di una due giorni importante nella quale privilegeremo visione, analisi e proposta in chiave unitaria e generale, avendo come riferimento tutta la domanda e tutta l’offerta sanitaria dell’intera area costiera e collinare che va da Cariati a Rocca Imperiale. Ed è in quest’area, infatti, che accoglieremo il Commissario Cotticelli con il quale – conclude Stasi – dovremo necessariamente trovare punti di accordo rispetto a tutti i deficit che le popolazioni di questa parte della provincia di Cosenza da troppo tempo subiscono e lamentano, rivendicando il fondamentale e normale diritto alla salute.


 

Commenta

commenti