Home / Attualità / Salgono i contagi in Calabria, a pesare un nuovo focolaio nel reggino

Salgono i contagi in Calabria, a pesare un nuovo focolaio nel reggino

Il bollettino della Regione: effettuati in un giorno 1.360 tamponi. Sono 16 i nuovi casi registrati nella provincia di Reggio e che riguardano Sinopoli

In Calabria ad oggi sono stati effettuati 208.340 tamponi. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 2.086 (+23 rispetto a ieri), quelle negative sono 206.254. Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

– Catanzaro: 14 in reparto; 1 in terapia intensiva; 81 in isolamento domiciliare; 221 guariti; 33 deceduti.

– Cosenza: 10 in reparto; 136 in isolamento domiciliare; 486 guariti; 36 deceduti.

– Reggio Calabria: 8 in reparto; 1 in rianimazione; 118 in isolamento domiciliare; 347 guariti; 19 deceduti.

– Crotone: 6 in isolamento domiciliare; 135 guariti; 6 deceduti.

– Vibo Valentia: 5 in reparto; 24 in isolamento domiciliare; 92 guariti; 6 deceduti.

Altra Regione o Stato Estero: 291 (nel totale è compresa anche la persona deceduta al reparto di rianimazione di Cosenza che era residente fuori regione).

I ricoverati del setting “Fuori regione” e dei migranti sono stati inseriti nei conteggi dei rispettivi reparti di degenza. Complessivamente i ricoveri presso l’Ospedale di Catanzaro sono 14 di cui 5 sono riferiti a persone non residenti. I ricoverati presso l’AO di Cosenza sono 10; di questi tre sono “non residenti”, mentre la paziente dimessa a Cosenza è stata inserita nel setting “fuori regione”.
Il totale dei casi di Catanzaro comprende soggetti provenienti da altre strutture che nel tempo sono stati dimessi. Cosenza oggi registra 3 nuovi positivi, di cui 2 focolaio noto mentre per il terzo caso è in corso l’indagine epidemiologica. Catanzaro registra 4 nuovi positivi riconducibili al focolaio noto. Reggio Calabria comunica 16 nuovi positivi.

Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile Nazionale.


Commenta

commenti