Home / Attualità / Russo(Cisl): migliorare linea Reggio Calabria-Crotone-Metaponto

Russo(Cisl): migliorare linea Reggio Calabria-Crotone-Metaponto

RUSSOL’introduzione di una coppia di intercity Taranto – Reggio Calabria per il 2017, con studio di un prolungamento fino a Bari; la coincidenza a Metaponto con il nuovo Taranto- Roma.

Verifiche sulle criticità per migliorare la puntualità e la regolarità della rete ferroviaria.

Questa sono le buone notizie che il Ministro per le Infrastrutture e i Trasporti Graziano Del Rio ha dato a seguito di una Interrogazione parlamentare nei giorni scorsi e che noi salutiamo con favore.Sono altri piccoli tasselli del mosaico che toglieranno la Calabria dall’isolamento e che mostrano un rinnovato impegno per la nostra terra.  Ma non basta.

RUSSO: OCCORRE DARE ALLA FASCIA JONICA PIU’ SERVIZI 

Viste le delibere del CIPE, con l’impegno dei Governi nazionale e regionale, di Trenitalia, occorre dare alla fascia Jonica quei servizi che altri territori hanno ottenuto ormai da tempo.

Intercity fino a Roma, Torino e Milano; restyling delle carrozze, adeguamenti tecnologici; sostituzioni dei locomotori vetusti; servizi migliori a bordo treno. Inoltre, occorre migliorare la linea Reggio Calabria-Crotone-Metaponto. Portare l’alta velocità in una zona pianeggiante come quella jonica che ha un bacino di utenza di 700.000 abitanti.

Solo così i calabresi torneranno a muoversi decentemente, a poter scegliere il mezzo di trasporto da utilizzare e ad uscire dall’isolamento. Solo così si colmerà il gap fra l’Italia del Sud e quella del Nord.

RUSSO: LE POTENZIALITA’ DELLA LINEA JONICA SONO TURISTICHE

E poi vogliamo ricordare che le potenzialità dalle fascia Jonica e della Sibaritide sono soprattutto turistiche. E come si possono far diventare realtà se non miglioriamo i servizi che permettono la mobilità della persone?

Inoltre questi servizi che auspichiamo miglioreranno  la capacità e la voglia di far impresa turistico-ricettiva dei calabresi.Per tutte queste ragioni invitiamo le Istituzioni, in primis i Governi nazionale e regionale, Trenitalia e tutti gli altri soggetti interessati, ad aprire un tavolo istituzionale.

Per utilizzare i fondi CIPE e per passare dagli annunci  alle azioni concrete, dalle parole ai fatti.Il  Sindacato Cisl, apprezza gli sforzi e l’impegno nuovo e deciso delle Istituzioni e di Trenitalia. Continuerà, però, a stare vigile e attento perché lo sviluppo del Meridione passa proprio dalle infrastrutture nuove e moderne.

 

Commenta

commenti