Home / Attualità / Rossano, un progetto per la riqualificazione degli impianti sportivi

Rossano, un progetto per la riqualificazione degli impianti sportivi

di REDAZIONE


stadio-rizzoFondo Coni, il Commissario prefettizio Aldo Lombardo approva una delibera di Giunta per proporre la realizzazione di alcune opere strategiche per il rilancio delle attività sportive in Città. Si tratta di un progetto che prevede ben quattro interventi per un importo totale di oltre 4 Milioni di euro. Dalla realizzazione di una nuova piscina comunale per finire al restyling dello stadio “Stefano Rizzo”.
Attraverso il Provvedimento amministrativo (N. 18 del 23 Gennaio 2016), proposto dal dirigente del settore Lavori pubblici, Vincenzo Di Salvo e approvato dal Commissario, sarà presentato al Coni un piano di interventi per la realizzazione, rigenerazione e completamento di impianti sportivi da poter inserire nel programma di interventi pluriennali, previsti dalla Legge 185/2015.
Lo scorso lunedì 15 febbraio l’ufficio tecnico comunale ha inoltrato al Comitato olimpico nazionale italiano ben quattro proposte di interventi da poter attuare sul territorio comunale: la realizzazione di una piscina coperta con annessi servizi per un importo progettuale chiesto a finanziamento di 2 Milioni di Euro; la rigenerazione dell’impianto sportivo di contrada Amica per un importo di 500mila Euro; la rigenerazione dello stadio comunale “Stefano Rizzo” con un finanziamento di 750mila Euro; la rigenerazione delle strutture sportive polifunzionali di quartiere per un totale di 1 Milione di Euro.
La Legge 185/2015, al fine di potenziare l’attività sportiva agonistica nazionale e lo sviluppo della cultura dello sport in aree svantaggiate e zone periferiche urbane, prevede l’istituzione, sullo stato di previsione del Ministero dell’Economia e delle Finanze, del fondo denominato “Sport e Periferie”. Le risorse di questo speciale capitolo sono gestite direttamente dal Coni che recepisce le proposte provenienti dalle singole realtà territoriale e stabilisce l’opportunità e l’entità degli interventi.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*