Home / Attualità / Rossano: Turismo, Artur e Comune ci sono

Rossano: Turismo, Artur e Comune ci sono

RossanoPer ambire a creare un vero e proprio brand turistico del territorio della Sibaritide bisogna puntare sulla sinergia tra pubblico e privato. E’ quello che sta cercando di fare il Comune di Rossano, insieme agli operatori turistici. “L’attuazione di un piano marketing strategico associato alla creazione di un brand turistico della Città del Codex. E’ un’iniziativa lodevole che Rossano e i tanti e qualificati operatori del settore attendono da tempo. Accogliamo con enorme interesse l’iniziativa promossa dal Sindaco Stefano Mascaro e dall’Assessore al ramo Aldo Zagarese che ci ha visti già partecipare ad un primo incontro organizzativo lo scorso 9 giugno. Noi siamo pronti a fare la nostra parte e ad impegnarci, in forma associata, anche sul piano economico affinché questo progetto possa presto prendere forma e conseguire i risultati attesi”.

ROSSANO, TURISMO

È quanto dichiara il presidente dell’Associazione Rossano Turismo in Rete (ARTUR) nonché amministratore dell’Hotel Club Residence Roscianum. Tra le più importanti realtà ricettive del territorio della Sibaritide, il Dott. Luigi Marin. Aderendo e garantendo il pieno sostegno della compagine sociale alle iniziative di collaborazione pubblico-privato mirate alla creazione di un nuovo ed efficace brand turistico di Rossano Città del Codex. “Attendevamo da anni – dice Marino – un’iniziativa forte ed efficace da parte del Comune. Affinché si procedesse nella direzione di una promozione turistica organica e ad ampio raggio della Città del Codex e del suo territorio. E le iniziative presentate dall’Esecutivo nel corso dell’incontro tenutosi nei giorni scorsi vanno proprio in questa direzione”. Serve una campagna di comunicazione e marketing di ottimo livello.

Per Marino serve la partecipazione alle fiere di settore, ma anche la pubblicizzazione del costruendo brand. Marino, a nome della Artur, chiede che Mascaro e Zagarese convochino una nuova riunione per fare il punto.

Fonte: La Provincia di Cosenza

Commenta

commenti