Home / Attualità / Rossano testimonial del Fai su Tg1 e Kilimangiaro

Rossano testimonial del Fai su Tg1 e Kilimangiaro

rossanoIl codex della metà del 500 con le sue 376 pagine di inenarrabile valore e il mistero del suo arrivo in Calabria. Uno dei sette esemplari esistenti al mondo. Ma anche la cappella bizantina, la madonna custodita all’interno della cattedrale e i 130 palazzi nobiliari. Con all’interno arredi del Settecento. Un patrimonio enorme custodito a Rossano. E che è stato testimonial del Tg1 per raccontare la venticinquesima edizione delle “Giornate Fai di primavera”. In un servizio andato in onda nell’edizione di domenica le telecamere del telegiornale ammiraglio della Rai ha rilanciato uno dei sette siti scelti in Calabria per celebrare questa edizione. Annalisa Paravati, presidente del Fai Calabria ai microfoni del Tg1 ha rilanciato: «Rossano è una città poco conosciuta anche dai calabresi e che noi vorremmo fosse conosciuta dagli italiani».

INVITO A VISITARE ROSSANO ANCHE NEL CORSO DE ALLE FALDE DEL KILIMANGIARO

Ma la peculiarità e il fascino di Rossano hanno conquistato anche conduttori e spettatori del programma televisivo di Rai 3 Alle Falde del Kilimangiaro. Nel corso del quale non solo sono stati entusiasticamente ripercorsi i maggiori attrattori cittadini. Ma si è anche caldamente ribadito l’invito a visitare Rossano. Patria di una memorabile ricchezza bizantina diffusa su tutto il tessuto urbano del centro storico. Ben rappresentata da tesori architettonici quali la Chiesa della Panaghia, l’Abbazia del Patire, l’Oratorio del San Marco. Se non bastasse quel capolavoro inestimabile e mondiale qual è il Codex Purpureus Rossanensis.

Commenta

commenti