Home / Breaking News / Rossano, Tar rigetta ricorso minoranza. Amministratori sono legittimi

Rossano, Tar rigetta ricorso minoranza. Amministratori sono legittimi

rossanoLegittima l’elezione del sindaco Stefano Mascaro. A decretarlo una sentenza del Tribunale Amministrativo della Calabria (TAR). Che ieri, 1° marzo, ha dichiarato il difetto di legittimazione passiva del Ministero dell’Interno e della Prefettura di Cosenza. Rigettando il ricorso e condannando i ricorrenti  per la restante metà delle spese a favore del Comune e dei contro interessati. Gli amministratori comunali di Rossano (Sindaco, Giunta e Consiglieri) non sono quindi degli abusivi.

Ad esprimersi definitivamente sul ricorso presentato da alcuni consiglieri di minoranza per l’annullamento di atti del procedimento elettorale del 5 e del 19 giugno 2016 è la Prima Sezione del Tribunale.

ROSSANO, RIPORTATO SUCCESSO SU TUTTI I FRONTI

Come si ricorderà, a maggio del 2017 già la Suprema Corte di Cassazione aveva stabilito, con ordinanza, che a decidere sui ricordi elettorali non sarebbe stato il TAR ma il giudice ordinario. Accogliendo così il ricordo per regolamento preventivo di giurisdizione proposto dal Comune. A ricorrere erano stati alcuni consiglieri di minoranza, tra i quali Flavio Stasi Ernesto Rapani. Ritenendo viziate le operazioni elettorali e denunciando irregolarità di diverso tipo.

Il Collegio di difesa dei resistenti ha riportato perciò un successo su tutti i fronti, procedurale e di merito. Era composto, per l’Ente dagli avvocati Alfredo Gualtieri Federico Tedeschini e, per i consiglieri di maggioranza dall’avvocato Oreste Morcavallo.

Commenta

commenti